Agata

Agata
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 
Nomen omen… Agata è una bambina con il destino scritto nel nome: bella, sonora e forte, e anche piccola. Insomma… molto piccola, piccola come una bambola, però senza complessi. Cresce circondata e coccolata dalle altre Agate della famiglia (la mamma, la nonna e la bisnonna), libera e spensierata. Canta sempre e canta bene, così bene che arriva presto il giorno in cui chiede di poter studiare musica, ma non sceglie una strumento qualsiasi, Agata vuole suonare il violoncello. La famiglia, dopo lo sconcerto iniziale decide di assecondarla, e il violoncello si trasforma ben presto nella sua più grande passione. Proprio sulla strada della scuola di musica, la piccola Rostropovich incontra Alberto, violoncellista in erba come lei, e i due diventeranno 'amici di strumento'…
La passione per uno strumento musicale è una forma di devozione fisica e spituale per l’oggetto che permette di accedere ai piaceri riservati a chi pratica la musica. Il musicista può arrivare al punto di dargli un nome, di parlare col suo strumento, di umanizzarlo e di considerarlo indispensabile per la sua arte, quasi insostituibile. La storia di Agata è la storia della sua passione per il violoncello. Una passione sostenuta da una determinazione incrollabile che sfida le proporzioni e gli stereotipi (Agata suona arrampicata su una pila di libri o in piedi sul tavolo), che vive del rapporto intimo tra la bambina e lo strumento, delle effusioni, degli esercizi, degli abbracci e delle vibrazioni che ne scaturiscono. Ma la musica è anche comunicazione, scambio, incontri, come quello tra Agata e Alberto, due anime gemelle fatte per suonare, che si conoscono per la prima volta in una bellissima tavola su due pagine in cui il taglio dato all'"inquadratura" fa sembrare che a incontrarsi non siano i due bambini ma i rispettivi violoncelli. L’edizione è curata nei dettagli che contano: una bella carta lucida, un carattere che sembra fatto apposta per le illustrazioni e una stampa ineccepibile che esalta i toni melange dei colori. Il libro è dedicato all’Orquesta Simfònica de Barcelona i Nacional de Catalunya e al suo direttore Eji Oue e, anche se non lo trovate scritto, a tutti i bambini che amano la musica.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER