Bestiacce!

Bestiacce!

Cosa ci fanno un grande scienziato specializzato in “antropologia, archeologia, architettura, astronautica, astronomia, astrologia …solo per rimanere alla lettera A” e un aspirante fumettista comico dalla vista troppo corta? Cosa ci fanno a zig-zagare insieme su e giù per la terra emersa e gli oceani che la intervallano? “Strano che non ne abbiate mai sentito parlare”: sono il professor Pico Pane, zoologo di fama mondiale e discusso membro della GRMDPIZV (Grande Riunione Mondiale Dei Più Importanti Zoologi Viventi) e il suo assistente tuttofare Sam Colam (assunto al volo sul lungomare di Laigueglia, “anche se lui l’assistente a un professore di zoologia non lo voleva fare, ma, si sa, a fare fumetti non si mangiano arrosti”). Dopo la disavventura delle zanzarane al Lago Picorì, e le risate che ne sono seguite alla GRMDPIZV, i due hanno deciso di imbarcarsi nella più grande spedizione di tutti i tempi per stupire il mondo con la scoperta delle belve più feroci, degli animali più rari, viscidi e disgustosi, “insomma le peggiori bestiacce del mondo!”. E le scoperte non si fanno certo attendere: dalla Cammellula (Libelula camelidarum gibbosa) delle oasi del deserto di Pankalè, insetto a due gobbe che vola con ali da libellula e si nutre di foglie di menta piperita, alla Mucchiocciola (Bovinus domiciliatus), mandria unica al mondo del giovane irlandese Tim McCauboy, esemplare dalle carni bianchissime e dal latte un po’ viscoso e soporifero. Dalla Balostrica (Cetacea bivalva insula), una balena dal guscio di madreperla grande come un’isola, tanto che sul suo dorso vivono i 35 ospitali abitanti del regno di sua pingue maestà Olona II, all’elegante e fiabesco Gruallo (Equus alatus bipedis), cavallo alato e piumato e dalle lunghe zampe da gru che abita i boschi…

Solo per citare alcune delle bestiacce, poco feroci, molto divertenti, frutto della fantasia, penna e matita della coppia Pino Pace - Giorgio Sommecal, corrispettivamente anagrammati e palesemente rispecchiati nei loro protagonisti Pico Pane e Sam Colam. Se la fantasia è certo di entrambi, di Pace è invece la penna, che ha all’attivo una decina di libri per ragazzi, anche se i suoi interessi spaziano in diversi campi della letteratura (“Se siamo onnivori ci sarà un motivo”), mentre di Sommacal è la matita, matita di un illustratore e fumettista che è nel panorama dell’editoria per ragazzi da più di vent’anni. Il loro connubio in questo bestiario fantastico, in cui sono raccolte e catalogate le imprese dei due protagonisti e repertati gli esemplari unici che hanno scoperto (con tanto di illustrazioni a tutta pagina arricchite da annotazioni di dettagli morfologici e comportamentali della bestiaccia in questione) non poteva dare esiti più divertenti. E se alla penultima pagina vi prendesse un dubbio sulla discutibilità del messaggio educativo veicolato, trattenetevi, frenate ogni giudizio e girate: “Nessun animale è stato maltrattato per la realizzazione di questo libro”.

0
 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER