Chissadove

Chissadove
Un grosso albero dal cuore di ciliegio in mezzo a una collina tutta verde custodisce sotto la sua folta chioma tantissimi piccoli semi. I semi crescono sotto le foglie protettive del grande albero fino a quando un fresco vento primaverile non porta via tutti i piccoli semi che si andranno a posare su altre colline al caldo sud o al freddo nord, o magari dentro un vaso, o chissadove. Tutti tranne un seme, che decide di non partire insieme ai suoi fratelli e alle sue sorelle. Ma fino a quando l'albero dal cuore di ciliegio potrà proteggerlo sotto le sue foglie?
Crescere e lasciarsi alle spalle la propria casa e il luogo in cui si è nati non è facile, lo sa bene il piccolo seme che di abbandonare il suo albero proprio non ne vuol sapere. Ancora più difficile è per un genitore crescere i propri figli per vederli, un giorno o l'altro, partire verso il loro futuro, come succede all'albero di ciliegio. Una favola sulla crescita e sulla paura di diventare grandi, ma anche sul senso di libertà e sull'entusiasmo con il quale si va incontro alla vita e alle sue incredibile quanto imponderabili esperienze. I piccoli semi, dopo essersi staccati dall'albero, non sanno dove andranno a finire. E allora il salto verso “chissadove”, che all'inizio spaventa, è la premessa fondamentale per nuove e incredibili scoperte. Un percorso, questo del piccolo seme e del suo albero, che le illustrazioni di Philip Giordano raccontano con tenerezza e semplicità, grazie a disegni dalle linee ben definite e dal tratto elementare (non ci sono né sfumature né ombre). Le figure tondeggianti sono colorate con parsimonia ma con grande maestria e la carta, di un delizioso colore giallino che sta bene con i disegni, è gradevole al tatto e ha un gran buon profumo.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER