I Bacon Brothers – Ritorno in America

I Bacon Brothers – Ritorno in America

Wolf è un manager delle star e ha una predilezione per i Bacon Brothers, tre porcellini musicisti che hanno avuto successo venti anni fa e dopo un lungo periodo di silenzio, sono tornati alla ribalta quando una delle loro canzoni è diventata virale su internet. Wolf pensa che sia arrivato il momento di fare un nuovo tour negli Stati Uniti, ma Pinky, che suona il contrabbasso, non sembra avere altro per la testa che sgranocchiare patatine. Angus, il batterista, cura il suo orto a tempo pieno. Quanto a Smokey, il tenebroso chitarrista del gruppo, è molto occupato dalla sua collezione di chitarre e non è del tutto persuaso a lasciare la sua lussuosa dimora. Wolf non si dà per vinto e alla fine riesce a convincerli a partire: New York! Washington! Miami! Fino ad approdare a Las Vegas, dove Pinky vince tre grandi pupazzi che prenderanno posto nei sedili posteriori dell’auto, imbracciando gli strumenti. A Los Angeles li attende una festa piena di star: la gallerista Piggy Guggenheim, il rapper Young Cotechino, lo chef Antonino Purosuino... Ogni tappa, un concerto. Ma anche molti svaghi, patatine e succo di mela. Nonché lunghi bagni in piscina. Ne valeva la pena? Certamente! Al punto che, sulla nave del ritorno, i tre porcellini e il lupo progettano un altro tour…

I Bacon Brothers, nel mondo reale, sono gli americani Michael Bacon e Kevin Bacon, diventati ufficialmente una band nel 1995, pur avendo suonato insieme da sempre. Il loro genere musicale è il risultato dell’incontro tra folk, rock, soul e country, tanto che si sono inventati una nuova parola per definire la musica che suonano. Nemmeno Davide Calì e Ronan Badel hanno paura delle contaminazioni, così questo albo esilarante mette insieme i personaggi delle fiabe e le persone reali, la musica, i vizi dei musicisti, i principali monumenti degli States e polli, gatti che scappano, cani che assistono ai concerti (lasciatevi ridere ad libitum davanti al cagnolino che ascolta il concerto a Washington, o alla festa di lusso a Los Angeles con Piggy Guggenheim a bordo piscina). A chi è rivolto questo albo illustrato? Non è chiarissimo, verrebbe da rispondere: agli adulti. Ma è sempre vero che le risate sono contagiosissime, perciò è bello immaginare per questo libro una lettura condivisa: i bambini rideranno per le situazioni e i personaggi che sono loro accessibili, gli adulti faranno altrettanto, e sarà, ne siamo certi, un continuo scambio di risate. Ronan Badel si muove con agilità tra ampie vedute americane e dettagli minuscoli imperdibili. Le parole di Davide Calì scorrono allegre e con buon tempo. La trama è una giustapposizione di situazioni. Si strutturerà nella prossima avventura?



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER