I capricci di Rosabella

I capricci di Rosabella
Rosabella è una principessa. Quando nasce, al castello si fa una grande festa mentre la piccola sgambetta vestita di leggere trine e preziosi pizzi. A corte tutti la coccolano, la vezzeggiano: duchesse, paggi, dame e ciambellani  sono in sua adorazione perché Rosabella è una bella bambina bionda. Tutti pensano che carina com’è il suo destino sarà di andare sposa ad un re, ma la principessa, appena inizia a capire, comincia  a dire sempre NO.  No a tutto. Impara  a dire parolacce, pesta i piedi e dice no, no e no. Un giorno prende le forbici e si taglia i bei boccoli biondi, fa a brandelli il vestito, mangia tantissimo e diventa grassa e bruttina.  A questo punto il re e la regina finalmente  le chiedono perché si comporta così e lei dice che non vuole sposare nessun re e che vuol vivere prendendosi cura del giardino: concimare, potare e seminare. Da quel momento Rosabella  si dedica ai ciclamini, alla natura e sul suo viso riappare  il sorriso, le sue guance tornano rosee e si dimentica di torte e salamini. Così un giorno un giovane principe la vede nel suo giardino  e se ne innamora...
La storia scritta da Fulvia Degl’innocenti è una lezione dedicata più ai genitori che ai figli. Forse mentre leggeranno questa breve storia  mamme e papà avranno modo di riflettere sulle loro personali aspettative nei confronti dei propri figli. La felicità di un individuo sta nella realizzazione delle sue aspirazioni e non sarà mai solo un mondo dorato a fare la felicità.  Rosabella sarà comunque regina ma di fiori, tra le sue piante con il suo principe che vive le sue stesse passioni. I capricci di Rosabella è un libro breve adatto ai più piccoli, sia prima della nanna sia nei primi passi della lettura. I disegni di Francesca Carabelli che accompagnano il testo hanno un tratto non classico ma efficace e adatto alla narrazione.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER