I cigni selvatici

I cigni selvatici
Una principessa, esiliata da palazzo, aspetta il ritorno degli undici fratelli, ignara che sono stati trasformati in bellissimi cigni selvatici. Alla loro ricerca vaga per la foresta, dove incontra un’anziana signora che la conduce al mare. Sulla spiaggia trova gli undici cigni, che, al calar della notte, perdono le piume per rivelare le loro vere sembianze. Accompagnata dai fratelli, attraversa in volo il mare; lì, a due giorni di volo, c’è la loro nuova patria. Finché, in sogno, le appare la signora del bosco in vesti di fata, che le affida un duro compito per spezzare l’incantesimo…

I cigni selvatici (rielaborazione di una più antica fiaba popolare raccolta dai Grimm) riprende alcuni dei temi cari ad Andersen: la duplicità, la metamorfosi e il sacrificio, innanzitutto… perdere la voce, essere mutati in aspetto, non vi ricorda qualcosa? E anche qui, seppur questa è una delle fiabe più vicine al modello classico, il lieto fine non cancella del tutto il dolore dei protagonisti: Elisa sarà regina e i principi riavranno il loro aspetto, tuttavia non torneranno nella terra natale. La fiaba di Andersen è qui adattata da Kochka e accompagnata dalle bellissime tavole e dalle illustrazioni di Charlotte Gaustat, che si ispira ai toni dell’oro e ai modelli orientali. Sarà dunque apprezzata dai bambini per la storia (è tra le meno conosciute di Andersen) e dagli adulti per il valore artistico del volume.

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER