Il fantasma di Canterville

Il fantasma di Canterville
Sir Simon di Canterville è un uxoricida deceduto in circostanze più che mai misteriose, dedito, dopo morto, a causar strazio e raccapriccio a chiunque vaghi tra le mura della gigantesca tenuta di Canterville Chase. È dotato di un indubbio talento di gusto horror grazie al quale gioca a birilli con le sue ossa nel campo da tennis, sogghigna dietro alle tende, appare e scompare tra trine e gioielli, si traveste da Vampiro di Bexley Moore e ha reso famosa la sua interpretazione di Martin il Maniaco o il Mistero Mascherato. La sua brillante carriera, interrotta dal 1584, sta però per essere definitivamente stroncata: il ministro americano Hiram B. Otis ha comprato in blocco pareti, arredamento e fantasma e, incurante degli avvertimenti di Lord Canterville e delle superstizioni della vecchia e retrograda aristocrazia inglese, trasloca assieme alla sua bella signora Otis, al primogenito Washington, alla quindicenne Virginia e ai dispettosi gemelli, gli unici della famiglia veramente repubblicani. È tempo di cambiamenti in casa Otis – ex Canterville: innanzitutto, se la governante inglese dovesse svenire ancora per fatti che non sussistono, le verrà decurtato lo stipendio. Inoltre, quell'orrenda macchia di sangue sul pavimento andrà lavata via immediatamente: basteranno, per farla sparire in un attimo, lo smacchiatore Champion e il detergente Paragon della Pinkerton. Ancora, quelle catene cigolanti trascinate nel corridoio dallo spettro andranno oliate con il lubrificante Tammary Rising Sun, ottimo fin dalla sua prima applicazione. Perché per l'America scettica e razionale i fantasmi non esistono. Sir Simon, rimembrando le sue antiche e talentuose apparizioni, causa di morti e di febbri cerebrali, medita tremenda vendetta contro tanta inappetenza all'orrore...
Il fantasma di Canterville è un racconto scritto da Wilde nel 1887, al quale Edizioni Angolo Manzoni riesce a dare nuovo spazio all'interno della collana Junior D, il piacere di leggere senza fatica. Il testo è stampato con carattere Easyreading a corpo 16: questa font, creata e pensata dalla stessa casa editrice, ha caratteristiche grafiche di alta leggibilità adatte ad agevolare la lettura anche ai dislessici. Ad introdurre i sette brevi capitoli che intervallano i momenti del racconto ci sono splendide illustrazioni, dettagliate e ricche di particolari, a cura di Libellulart e, come se non bastasse, in allegato, troviamo un cd mp3 dove Franco Collimato e Simona Massera recitano per noi, tutte le volte che premiamo play, l'intero racconto di Wilde. Oltre che per la ricca veste grafica il volumetto è un piccolo capolavoro anche dal punto di vista letterario: è uno di quei rari casi di ingegno che merita di essere letto da un bambino come da un adulto, o magari dallo stesso bambino che oggi è diventato adulto e che, calandosi ancora nelle avventure di Canterville, ci trova un fascino diverso, una parodia delle storie di fantasmi della gotica Inghilterra primo Ottocento, uno scontro tra Nuovo e Vecchio Mondo nel quale, con deliziosa ironia, viene canzonata sia la puritana Inghilterra vittoriana, sia la liberale società statunitense. Una prelibatezza per gli occhi e per la mente.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER