Il leprotto della luna

Il leprotto della luna
Petunia Joy Petulant è una bambina insopportabile: i capricci che fa sono davvero principeschi, di misura e di fatto, visto che è figlia di re Winston Petulant e di sua moglie Elsie. Dopo aver ottenuto un pericolosissimo e voracissimo drago (però diciamocelo, per questo chiunque giocherebbe anche la carta "capriccio"), di cui si stufa subito, la principessina passa velocemente ad impuntarsi su un'altra richiesta impossibile: vuole il leprotto della luna. Esatto, sì, il leprotto della luna, che nelle notti di luna piena, se ci fermiamo a fissare il nostro misterioso satellite, possiamo vedere saltellare tra i crateri. Petunia lo vuole talmente tanto che, esauriti i capricci (i genitori non saprebbero proprio come arrivarci, fin lassù), si addormenta invocandolo. Zac!, eccolo sulla Terra, più petulante, maleducato e viziato che mai: il leprotto della luna, che in realtà si chiama Crampyflamppluff, arraffa tutto ciò che gli capita sotto mano, è golosissimo e dà rispostacce a chiunque, soprattutto a Petunia. La principessa dovrà convivere con il caratterino del suo nuovo compagno di avventure, soprattutto quando sarà costretta ad accettare il suo aiuto per salvare il padre, coinvolto in un bisticcio davvero bizzarro...
Un libro perfetto per quei bambini che hanno imparato che fare i capricci, a volte, funziona, ma anche per quei genitori che un po' li hanno aiutati a scoprirlo: tutti i personaggi hanno tratti caratteriali estremi, dal re e la regina, flemmatici e un po' stanchi di combattere una guerra persa al drago Sandra (che però è un drago maschio... un altro dei tanti errori di disattenzione della principessa), altezzoso e pseudointellettuale; in più, tutti collaborano a creare situazioni inverosimili, bizzarre e demenziali. Alla resa dei conti, Sue Monroe ci regala una favola che è tutto meno che convenzionale. Siete di quelli che pensano che una favola non sia davvero una favola se non ha una principessa? Bene. Sappiate però che quella di questa storia guadagnerà qualcosa di più profondo del principe azzurro (e che certamente la aiuterà a trovarne uno in futuro): un po' di buona educazione.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER