Il mio grosso grasso pesce zombie

Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

I fratelli maggiori possono essere alquanto diabolici, soprattutto con i loro fratelli minori. Tom lo sa bene: è abituato da sempre alle angherie di Mark che con quel carattere “un po’ diabolico” dimostra di avere tanta fantasia per infastidirlo o sfogare la sua rabbia. Come quella volta che gli ha spiaccicato una torta in faccia dopo avergli chiesto urlando di correre verso di lui. Anche Pradeep, il migliore amico di Tom, lo sa: suo fratello Sanj lo chiama spesso “idiota” che rientra sembra nel linguaggio utilizzato da i peggiori fratelli maggiori. Da quando i suoi nonni hanno comprato a Mark per il compleanno una scatola per gli esperimenti chimici – una di quelle che prevedono per il loro uso la costante supervisione di un adulto – quest’ultimo si è trasformato in un personaggio più temibile: lo scienziato diabolico. Con il suo camice bianco di ordinanza usa strumenti e polverine in dotazione per creare strani intrugli. Dell’ultimo ne farà le spese un pesce rosso. Uno di quelli che si vincono nelle fiere con le palline da ping, pong, di quelli che durano poco perché come spiega bene la madre a forza di ricevere palline in testa subiscono una commozione cerebrale che li porta direttamente a finire nel water. In preda ad un momento di follia scientifica, Mark versa nella vaschetta del malcapitato pesciolino una polverina verde che ovviamente non potrà che avere conseguenze disastrose. Tom e Pradeep però vogliono dare una seconda possibilità a quell’animaletto senza colpa e con l’aiuto di una pila lo riporteranno in vita…o meglio, lo trasformeranno in Frankie, un potente pesce zombie…

Mo O’Hara è un’attrice teatrale americana trasferita da anni in Inghilterra dove ha dato vita alla serie di libri dedicati a Frankie, il pesce zombie del titolo. La sua formazione come comica è evidente nel libro che non può che suscitare ilarità in un bambino con i diversi rimandi ad un mondo a lui molto noto, più di ogni altra cosa a quell’amore-odio fraterno che esiste in ogni famiglia. Qui, ovviamente, può apparire in alcuni punti esagerato o caricaturale ma serve a sottolineare l’ambiente fuori dal comune in cui andrà poi ad esistere una presenza decisamente straordinaria come quella di un pesce “zombie”. Degna di nota è la descrizione dell’amicizia tra Tom e Pradeep, due fratelli minori che condividono esperienze e disavventure. Il linguaggio utilizzato è adatto ad un bambino che frequenta i primi anni della scuola elementare, con giochi di parole che possono essere facilmente comprensibili (come, ad esempio, “ormo-male”, con cui la madre di Tom sembra spiegare la natura diabolica del fratello) anche senza la spiegazione di un adulto. Questo primo volume contiene in realtà due storie “pesciose” – come si specifica in quarta di copertina – per iniziare a fare la conoscenza di Frankie. In arrivo il secondo volume della serie. Simpatiche le illustrazioni dell’inglese Marek Jagucki.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER