Intrigo alla corte del Re Sole

Intrigo alla corte del Re Sole
Marion non ha ancora compiuto quattordici anni quando viene assunta come cameriera della Marchesa de Montespan, la Favorita di Luigi XIII, il Re Sole. La giovane, che diversamente dalle sue coetanee sa leggere e scrivere, ha un dono speciale: è in grado di riconoscere ogni profumo senza fallo dopo averlo annusato una volta soltanto. Questa sua abilità le consente di mescolarli sapientemente per ottenere essenze uniche e la rende immediatamente indispensabile alla sua nuova padrona. Ciononostante la vita nel palazzo della Marchesa non è semplice. La donna - a prima vista dolce e amorevole - nasconde un’anima torbida e subdola ed è pronta a tutto pur di ottenere il titolo di regina. È inoltre succube di sedicenti indovini e vittima di folli terrori: pretende infatti che almeno una delle sue cameriere vegli sul suo sonno ogni notte. Marion viene subito arruolata tra le “vigilanti” e in virtù della sua abilità con i profumi durante le notti di guardia le viene ordinato di preparare diverse essenze. Durante la veglia però ascolta la Favorita parlare nel sonno e accostando quanto sente con quanto osserva ogni giorno viene a conoscenza di un piano mortale…
Un romanzo breve ma ben costruito che apre con abilità le porte della corte di Versailles ai giovani lettori (più probabilmente alle giovani lettrici). In questo suo primo libro - che ha riscosso un’enorme successo in patria - Anne Pietri gioca abilmente con il mistero e l’intrigo; sfrutta l’ambientazione storica senza addentrarsi troppo in rischiosi dettagli ed evita accuratamente excursus descrittivi. Inoltre, concentrandosi sulla vita quotidiana della corte fatta di  piccoli e grandi complotti, l’autrice fornisce un quadro alternativo rispetto a quello offerto dai grandi romanzi di cappa e spada. L’intento era probabilmente quello di attirare giovanissime lettrici verso un genere e un ambientazione tradizionalmente propria dei maschi. Lo stile è chiaro e scorrevole, e i personaggi convincono anche senza essere troppo curati e caratterizzati. Semplicità, ritmo e brevità sono i punti forti del romanzo che non puntando a essere un grande classico per ragazzi, riesce a destare interesse e curiosità e far trascorre piacevoli momenti di lettura.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER