La falsa nota di Nyambé

La falsa nota di Nyambé
“All’inizio dei tempi, non c’era assolutamente nulla. Proprio nulla: né luce, né buio. C’era solo una piccola cosa senza importanza, ed era la Noia. Sulla Terra si annoiavano tutti. Be’, tutti… Non esisteva ancora nessuno! Nemmeno la Terra esisteva. A parte la Noia. Nyambé, il creatore dei Bantu, colui che comunemente chiamano Dio, si annoiava da morire… E dire che neppure la Morte esisteva…”. La situazione è davvero disperata, solo in mezzo al nulla Nyambé non sa proprio cosa fare. Un giorno però, grattandosi casualmente il capo con un dito, sveglia l’immaginazione che sonnecchiava nella sua testa. Finalmente qualcuno con cui dialogare! Raggiunto il giusto livello di confidenza, il buon Dio le svela il grande problema che lo affigge: la Noia! Dopo un momento di iniziale spaesamento (come può il Signore avere delle preoccupazioni? ), l’omuncolo della sua immaginazione decide di aiutarlo. Forse siamo portati a credere che trovare delle idee in un luogo-non luogo, quando ancora nulla è stato inventato, possa essere semplice, ma non è proprio così… Di sicuro, non stiamo parlando dell’immaginazione di un essere qualunque, ma di un’ entità superiore come Nyambé. E così, “qualche milione di anni dopo, pari pressappoco a cinque minuti di eternità”, l’immaginazione che aveva vagato alla ricerca di ispirazione, ritorna dal suo Dio, raggiante e soddisfatta per aver trovato una soluzione. Dunque, quale sarebbe questa soluzione? Curiosi vero? Ecco le parole che hanno rivoluzionato tutto e che secondo questa favola ci hanno permesso la nostra esistenza: “Costruisciti una sanza, Signore, e appena comincerai a suonarla, la Noia sparirà. Se ne andrà via da sola e la smetterà di tormentarti”. Che cos’è la sanza vi starete chiedendo (almeno io me lo sono chiesta)? La sanza è un piccolo strumento musicale a tastiera, detto “piano a pollice”, formato da una cassa armonica di legno o zucca e da tasti di metallo o canna, che vengono toccati e suonati con le dita. Nyambé è travolto dal suo suono, è felice, e così balla, canta, suona. La musica inizia a creare e a far nascere cose mai viste, dapprima il sole, poi la luna, poi villaggi, il mare, il fiume, gli animali, l’aria il vento e tanto altro ancora. Ma l’armoniosa melodia della sanza viene interrotta da una nota non prevista, appunto “la falsa nota di Nyambé” (può capitare quando si inizia a suonare un nuovo strumento!) che crea “uno strano essere: l’uomo. Subito seguito dalla donna”. A cui seguirono prima centinaia poi migliaia di bambini di tutti i colori, bianchi, neri, blu, rossi, gialli e la terrà si popolò…
È così che inizia il mito della creazione secondo i Bantu, etnia dell’Africa centrale e popolo di migranti. Un mito che si è tramandato oralmente e oggi finalmente trova la sua traduzione su carta grazie a Francis Bebey, poeta e musicista originario del Camerun. Grazie alla collaborazione tra l’associazione Kin Koba – Voci lontane e la casa editrice Miraggi, il libro trova posto in questa bellissima edizione multimediale. Nel cd (otto tracce) c’è la favola interpretata da attori di ottimo livello, a vantaggio per di chi, dopo la lettura del testo, volesse riascoltarla in versione musicale. Si tratta di un piccolo museo sonoro di strumenti africani: il calebasse, il kuu, il balafon, il djembé, e la “provvidenziale” sanza, la protagonista. Le musiche calde e avvolgenti di Tatè Nsongan percussionista dei Mau Mau (dalla terza alla settima traccia) sanno cullare grandi e piccini trasportandoli, come in un sogno, verso terre lontane. Tra l’altro, in collaborazione con lo IED di Torino, è stato girato anche un riuscito cortometraggio che dà corpo e vita ai personaggi della storia. Le tavole di Sara Ghirlanda dai colori accesi e vibranti contribuiscono a rendere la lettura un’esperienza molto speciale. Un libro che non resterà a prendere polvere sugli scaffali. L’unico rischio è trovare il cd stabilmente nel lettore, soprattutto se avete bambini in casa, ma basta nasconderlo…
 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER