La prima chiave

La prima chiave
I gemelli Covenant sono davvero nei guai: hanno imboccato una strada buia, con pareti strette immerse nell'oscurità. Una torcia illumina appena la sommità di una scala, stanno per raggiungerla quando il rumore di un chiavistello li induce a nascondersi. Da un'enorme porta escono un uomo corpulento in abiti talari e scarpe da tennis e una donna esile che solo per un soffio non li scopre. Una volta fuori dal loro nascondiglio, oltrepassano la porta e, con sorpresa, si trovano su una terrazza che si apre su uno strapiombo. All'orizzonte, mura di una cittadina arroccata e un dedalo di viuzze tra piccole case una addossata all'altra. Devono trovare a tutti i costi Black Vulcano, dargli il messaggio si Ulysses Moore e cercare di far luce sul mistero delle chiavi e delle porte del tempo. La loro presenza è stata notata e solo il provvidenziale aiuto di Dagoberto, un giovane ladro, li trae d'impaccio. Ma questo è solo l'inizio...
Nuovi importanti passi in avanti e scoperte in questa nuova avventura del misterioso personaggio ideato da Pierdomenico Baccalario che in una nota per il lettore avvisa di aver ultimato la traduzione del sesto quaderno di Ulysses Moore. Tante le rivelazioni che portano i protagonisti a scoprire nientemeno che la sua identità. Come sempre avvincente la trama e curate nei minimi dettagli l'impaginazione e la grafica, che nasconde importanti indizi. Dopo l'antico Egitto e la Venezia del Settecento, scenario del libro stavolta è il Medioevo, confermando la volontà dell'autore di offrire al giovane lettore un modo simpatico per conoscere la storia.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER