Le canzoni dei mestieri

Le canzoni dei mestieri
L'astronauta, il falegname, il pompiere, la maestra, il postino, il muratore, il vigile urbano e la dottoressa. Nove mestieri, tutti diversi e con delle particolarità uniche. Le professioni, nelle loro diversità, hanno tutte il fine di produrre per il bene della società, degli altri e anche di chi le fa. I bambini, fin da piccoli, manifestano il desiderio di fare i lavori più disparati: dal veterinario perché amano gli animali, al vigile del fuoco perché non hanno paura di niente. Alcuni vogliono fare il mestiere dei genitori, altri si immaginano nello spazio a fare l'astronauta o il supereroe. Le canzoni dei mestieri propone nove differenti professioni attraverso brani musicali orecchiabili e facili da memorizzare. C'è l'astronauta che sfreccia nello spazio a gran velocità tra il Messico e il Pakistan, c'è il falegname abile artista del martello, c'è il temerario pompiere che salva i gatti e spegne gli incendi nel bosco. E la dottoressa, che però non fa paura ai bambini, anzi è una fata che conosce una magia per mandare via la malattia. Tanti mestieri raccontati con gli occhi dei bambini, che in nove giorni potrebbero immedesimarsi in nove figure professionali diverse: le canzoni diventano brevi inni alla fantasia e alla semplicità.

Le canzoni dei mestieri è il terzo libro della serie "Le canzoni dei bambini" nella collana Young che la casa editrice Curci dedica ai più piccoli. In allegato al libro c'è il CD musicale, con le nove canzoni interpretate da Lorenzo Tozzi e a seguire le nove basi musicali per cantare autonomamente i brani. I testi sono in stampato maiuscolo, con un carattere chiaro e leggibile, con illustrazioni colorate che occupano l'intera pagina. In definitiva, si tratta di un libro divertente e interattivo che di sicuro piacerà alle insegnanti della scuola materna, che potranno usarlo per delle attività di gruppo. L'unica nota stonata è forse legata al genere applicato ad ogni professione: femmine sono la maestra e la dottoressa; maschi il postino, il vigile urbano, il muratore, il falegname e il pompiere (l'unico in dubbio resta l'astronauta che con la tuta e il casco non lascia intravedere nessun riferimento di genere). Peccato per questi cliché che, nonostante le battaglie editoriali proprio da parte delle case editrici per bambini, faticano a tramontare.

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER