Lucilla

Lucilla

Cosa succederebbe se una nave si scontrasse contro gli scogli? Di certo sarebbe colpa del guardiano del grande faro che ogni notte illumina il mare e la piccola cittadina della penisola. Questo è il lavoro che dovrebbe svolgere Augustus, un uomo scontroso e burbero. Ma come fa a salire ogni sera sessantuno scalini con una gamba sola? L’impegno è affidato alla figlia Lucilla, una bambina gentile, piena di fantasia e molto sbadata: una sera infatti dimentica di comprare i fiammiferi per accendere la luce del faro. Una bufera si sta pian piano avvicinando e la bambina, temendo l’ira del padre per il suo errore, corre in città per acquistare ciò che le serve. Il vento soffia furioso, le onde si infrangono violente contro gli scogli: Lucilla viene trascinata in mare. Quella sera una nave affonda. Il guardiano deve pagare per la sua negligenza e la bambina, per riscattare il debito del padre, dovrà lavorare per sette anni nella Casa Nera dove, secondo la leggenda, abita un mostro. Lucilla è terrorizzata: di notte sente rumori inquietanti, grugniti e latrati. Ma a colpirla è la puzza che proviene da una delle stanze della casa: decide di entrare e sotto il letto trova una creatura addormentata. È lui il mostro? Eppure non ne ha le sembianze. Ma allora cos’è?

Lucilla è il primo romanzo di Annet Schaap, famosa illustratrice olandese, che ha riscosso grande successo vincendo quattro premi prestigiosi, tra cui il Premio Gouden Griffel 2018 e il Premio Woutertje Pieterse 2018. Per scrivere questa storia, Schaap ha ripreso il soggetto mitologico de La Sirenetta, protagonista della fiaba omonima di Hans Christian Andersen. La sirena rappresenta l’elemento fantastico che si intreccia con la dura realtà che Lucilla deve affrontare ogni giorno: una madre defunta e un padre distante, scorbutico e violento, incapace di svolgere il suo lavoro e di accudire la figlia. Tutti i doveri ricadono sulle spalle di una bambina che è ancora immersa in un mondo immaginario, dove dialoga con lo spirito della madre per sentirla ancora vicino a sé e per sentirsi protetta. Se è la sua distrazione a mettere Lucilla nei guai, la sua gentilezza è la caratteristica che la aiuterà ad affrontare problematiche difficili e troppo grandi per la sua età. Discriminazione, disabilità e tentativi di abuso sono alcuni dei temi che si incontrano in questa fiaba destinata ai bambini dai nove ai dodici anni, ma valida anche per ragazzi fino a quindici anni. Sono argomenti che Schaap riesce a trattare con estrema leggerezza anche grazie alla narrazione di una grande amicizia che nascerà tra Lucilla e il mostro: il fine consiste nel dimostrare come un legame sincero sia capace di contrastare la meschinità degli adulti. Che siano loro i veri mostri? Nel libro sono presenti alcune illustrazioni, realizzate dalla stessa autrice, che rappresentano i momenti salienti delle vicende dividendo, così, la storia in sei parti. Inoltre piccoli disegni sono presenti anche ad inizio di ogni capitolo. A colpire particolarmente è il messaggio che questa fiaba vuole trasmettere a bambini e ragazzi: accettare gli altri con le loro imperfezioni. Solo in questo modo si può combattere la paura di ciò che è diverso.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER