Marco dice!

Marco dice!

La collana Zerotre dell’editore Franco Cosimo Panini, progettata da Emanuela Bussolati e curata da Antonella Vincenzi, è dedicata a mamme e bambini molto piccoli. Libri semplici ma ben costruiti, con le pagine cartonate, i bordi arrotondati e i formati maneggevoli che stanno comodamente tra le piccole mani dei bambini. Marco è un bambino alle prese con le sue prime scoperte e lo stupore e la curiosità si manifestano nelle poche parole che esclama. Ma le cose non sempre sono ciò che sembrano, si trasformano, cambiano colore e giocano con le forme. Marco dice … vola! E da papavero rosso come per magia si stacca una farfalla gialla e nera che vola nel cielo blu. Marco dice … mordi! E di nuovo il gioco ricomincia: un granchio rosso che con le chele sembra pronto a pizzicare chi si trova nei paraggi e invece si trasforma in una succosa e invitante mela verde. Marco dice … sbrigati! E un baffuto uomo con la bombetta diventa, girando la pagina, una tranquilla tartaruga che lentamente cammina verso un ciuffo di erba. E poi Marco Ascolta! Guarda! Tocca! E infine dice Uh! Uh! In cosa si trasformerà la bicicletta?

Delphine Chedru, oltre ad essere un’illustratrice e graphic designer francese, è prima di tutto una mamma. Nei suoi libri prevalgono il gioco, l’osservazione, la scoperta. Marco, il protagonista del libro, lo vediamo solo in copertina, con i capelli rossi, le guance colorite, il sorriso felice e lo sguardo assorto ad osservare una farfalla che vola. All’interno del libro Marco scompare, diventa un osservatore esterno, come il bambino che sfoglia il libro con la mamma. Le frasi si ripetono e diventano una filastrocca che accompagna il lettore-osservatore alla scoperta del mondo. Le pagine presentano delle fustelle che, una volta girate, danno vita a nuove forme: il papavero si trasforma in farfalla, la corona in un tamburo… E poi i colori, piatti, vivaci, contrastanti, che si ripetono senza un ordine preciso, riempiono le forme e contribuiscono a creare un ritmo nella narrazione, costituita da azione, scoperta e trasformazione. Delphine Chedru offre ai piccoli lettori un albo colorato pieno di scoperte, ideale da leggere e osservare insieme alla mamma e il papà già a partire dai dieci mesi. Il libro, nella sua semplice ma funzionale impostazione, ricorda la scrittrice ed illustratrice per l’infanzia Iela Mari, precorritrice dei primi libri per l’infanzia, che affidava la narrazione a forme e colori, lasciando al bambino lo stimolo e la scoperta delle immagini, riducendo al minimo (o togliendo addirittura) le parole nei suoi libri.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER