Oscar dove sei? - …a salvare la principessa Paquita

Oscar dove sei? -  …a salvare la principessa Paquita
Una famiglia come tante quella di Oscar: il papà Ago fa il pasticcere, la mamma Martina disegna ombrelli ed è in arrivo un fratellino. A completarla c’è la scimmietta di pezza Ussi e Gennaro il merlo. Oscar conduce una vita apparentemente tranquilla e monotona: la domenica, come tutte le domeniche, fa il bagno. E per farlo come vuole la mamma, deve seguire quattro fondamentali regole: restare a mollo più di cinque minuti, strofinare bene tutto il corpo, fare lo shampoo due volte, sciacquarsi bene prima di uscire dalla vasca. Una volta fuori, la mamma completa l’opera pensando ai capelli e alle unghie e, alla fine, aggiunge un tocco speciale: un po’ del profumo del papà. Dopo il bagno Oscar si sente sempre un po’ più buono. Ma non è sempre così: il bagno della domenica è speciale per via del patto con la mamma che lo “alleggerisce” da questa incombenza durante gli altri giorni della settimana. Ad esclusione delle mani e dei denti, però. Anche questa domenica Oscar è in bagno a prepararsi per il rito settimanale. Il vapore sprigionato dall’acqua calda lo nasconde e così scrive allo specchio “Oscar dove sei?”. Ad illuminare la stanza solo uno spicchio di luna. In questa situazione quasi irreale prende vita una storia: quella del Pirata Oscar e della Principessa Paquita…
L’avventura di Oscar è piena di ostacoli ma il nostro piccolo eroe è impavido e determinato a salvare la principessa. L’avventura si scioglie in un tenero abbraccio rassicurante della mamma che rende tutto ancora più magico. Oscar è un bambino con una vivida fantasia che sa far diventare ogni momento e ogni situazione un’occasione di gioco. Come in tutte le favole che si rispettino, c’è un pirata cattivo, una principessa da salvare, un eroe e un tesoro. E non mancano il castello e la nave. Gli ingredienti per una storia ben riuscita ci sono tutti. Ed anche di più: le illustrazioni vivaci di Giuliana Donati e la grafica energica di Paolo Turini accompagnano la lettura rendendola ancora più piacevole. Oscar parla con i piccoli lettori e ne interpreta i sogni e le paure. I suoi pensieri sono i pensieri di tutti i bimbi. Anna Sarfatti, l’autrice, infatti, decide di pubblicare le storie di Oscar, dopo averle sottoposte al vaglio e al giudizio dei suoi alunni di scuola elementare e, oltre a questa avventura, Oscar ne vive delle altre, per parlare dritto al cuore dei piccoli. Il giovane protagonista di storie brevi ma intense non si ferma all’apparenza e tutto quello che vede si trasforma ai suoi occhi. È il gioco di sempre, il “facciamo che io ero…” che tutti abbiamo vissuto. Per questo le storie di Oscar piacciono ai grandi e ai piccini.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER