Ribelle

Ognuno ha i suoi gusti. E a Marzia piace il giallo. Tanto basta per farne una “ribelle”: una che non ci sta a farsi dire cosa è meglio, neanche da sua madre. Nasce così questa raccolta di 15 biografie di donne contemporanee che hanno fatto della propria vita un manifesto di ribellione, attraverso le piccole scelte quotidiane di libertà da giudizi, consigli e stereotipi. C’è Li lù, che di professione fa l’interprete e poi si lancia con il suo longboard e sparisce dietro una curva a gomito a velocità supersonica con i suoi lunghi capelli biondi. Per lei “le paure sono necessarie, ma, se lasci che ti governino la vita ti precludi la possibilità di progredire”. Li lù è piena di croste, di graffi e lividi, ma anche durante le gare non rinuncia mai ad un tocco di eyeliner per sottolineare i grandi occhi verdi. Anche Giulietta Cozzi, blogger di motori, non rinuncia al trucco, magari ricorrendo a quello semipermanente per ovviare al vento e a trattamenti di cheratina per proteggere i capelli sotto il casco, mentre porta avanti la sua battaglia per scardinare lo stereotipo che inchioda una bella donna ai motori solo come icona sessuale. Eve La Plume, performer di burlesque, detesta jeans e maglietta; Valeria Margherita Mosca è una forager e chef che si scontra con i bracconieri. Anche Monica Romano è un’attivista: per lei, l’essenza della ribellione è “rivendicare quotidianamente, nelle piccole cose, i nostri diritti e le nostre dignità”. E poi ci sono Micol, fighter di MMA, Linda l’amazzone, Zazie l’artigiana e tante altre, ognuna con la propria ribellione…

Marzia De Clerq ci racconta la loro determinazione, le difficoltà, i motti e i segreti di bellezza. Che non sono solo creme, massaggi o tisane miracolose, ma anche espressione di sentimenti, libertà di spazi e tempo. Perché l'autrice ribelle non rinuncia a sottolineare che la femminilità, la cura di sé, sono parte integrante dell’essere donna: in un libro che parla di lotta agli stereotipi, anche questo è un atto rivoluzionario. La donna non deve rinnegare la propria fisicità, piuttosto farne un punto di forza e ribellione. Non importa come si è: basta con i diktat estetici, i dress-code, le mode uniformanti. Ogni donna ha una storia e un corpo, bello e unico, di cui prendersi cura. Ribelle è una raccolta di mini-biografie che fotografano un mondo femminile ignorato: quello delle donne normali, che combattono ogni giorno, nel proprio piccolo, la loro personale battaglia per essere semplicemente se stesse. Donne che hanno studiato e sudato per realizzare le proprie passioni, e testimoniano con la propria vita quotidiana che il nuovo femminismo è alla portata di tutti. Un libro comodo da leggere e sfogliare, corredato da immagini e testi di forte impatto. Un linguaggio preciso e diretto, che spazia dall'intimità all'attivismo, dal racconto del dettaglio al panorama sociale. Donne che evolvono, raccontate con una narrazione in movimento. Il giusto sequel delle bambine ribelli per le giovani donne.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER