Sembrava un corvo

Sembrava un corvo
Nel piccolo paese di Nuvolone, silenzioso e arroccato in cima alla montagna, c'è una vecchia donna. Sta tutto il giorno affacciata alla finestra a leggere libri e a guardare fuori il paesaggio, oltre i campanili e i tetti delle case. Prima, quando era giovane, era la maestra di Nuvolone e tutti i bambini la conoscevano. Per i bambini di oggi, invece, lei è solo la “Signora dei Libri”. Si muove poco, le fanno male le gambe e fatica a respirare. Sta sempre da sola nella sua stanza, al primo piano della sua casa piena di libri. In cucina ci va solo per mangiare, e poi torna subito di sopra. Ad aiutarla nelle faccende di casa c'è Rita, che si porta sempre dietro suo figlio Nicola. La Signora dei Libri non lo ha mai visto, lo sente solo ridere e scherzare dal piano di sopra. Un giorno l'anziana donna si accorge di essersi dimenticata gli occhiali in cucina, chiede a Rita di portaglieli ma lei è occupata e allora tocca a Nicola salire dalla signora. Ma Nicola non vuole proprio andare, fa i capricci perché tra il piano di sotto e la stanza della Signora dei Libri c'è una lunga rampa di scale immersa nel buio. La Signora lo sente lamentarsi ed è in quel momento che si ricorda di quando era bambina e di quando anche lei aveva paura del buio, di quando il suo terrore più grande si chiamava Uomo Nero...
Il racconto di Alfredo Stoppa – che sembra prendere le mosse da una poesia di Zavattini –  è una favola impregnata di nostalgia e di paura. La Signora dei Libri, grazie al piccolo Nicola, inizia un viaggio indietro nel tempo fino al periodo in cui lei era una bambina di appena sei anni. I grandi – i suoi genitori e la maestra – le dicevano sempre che se si fosse comportata male sarebbe arrivato l'Uomo Nero. Quello che i grandi ignoravano era che l'Uomo Nero esisteva davvero. Il Mostro di Alfredo Stoppa si manifesta poco a poco, lo ritroviamo tra le pagine del libro, nascosto dietro descrizioni volutamente imprecise, piccoli dettagli che fanno sussultare la piccola protagonista e fanno venire il dubbio a noi poveri lettori se il terribile mostro sia frutto della fantasia oppure no. La nebbia che avvolge di mistero la mostruosa figura, come quella che caratterizza le tavole di Sonia MariaLuce Possentini, si diraderà solo alla fine. Fino a quel momento però seguiremo il racconto col fiato sospeso e con lo sguardo rivolto alle ovattate illustrazioni che arricchiscono il libro. I disegni sono anch'essi pieni di nostalgia e di tristezza, dal tratto incerto e dai colori contrastanti. La protagonista, dalla carnagione chiara, dai lineamenti delicati e gli occhi grandissimi ricorda disegni dal sapore vagamente nipponico (l'accostamento e con certi manga o anime giapponesi). Al bianco si alterna di continuo il nero, alla figura – dolce e bellissima – della piccola protagonista si alternano le ombre – scure a paurose – dell'Uomo Nero: la figura emblema di tutte le paure con la quale si è destinati a fare i conti sempre, anche alla veneranda età della Signora dei Libri.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER