Sono una selvaggia

Sono una selvaggia

Anna è una bambina dai capelli color ciliegia che la mattina, quando si alza, si stiracchia appena ed è subito in piedi. Salta come un grillo e piomba nel letto dei suoi genitori. Poi va di corsa a fare colazione, naturalmente senza badare a non sporcare. Senza indugio corre a vestirsi: velocemente si toglie il pigiama e indossa una comoda salopette. Infila i calzini, il maglione, le scarpe, si mette in testa un cappello con visiera ed è presto pronta! Va a scuola pedalando, scattante, sulla sua bicicletta. Appena in tempo varca la soglia del cancello e si scaraventa sul banco. Poi suona la campanella, è finita la scuola e Anna corre a casa, felice del pomeriggio che l’aspetta. Mangiucchia qualcosa e corre fuori a giocare con il suo cane Tobia. Quando la raggiungono le sue amiche, dà sfogo con loro a tutte le sue energie, ballando, leggendo e giocando fino all’ora di cena. A tavola racconta ai suoi genitori la sua giornata selvaggia e, sfinita, crolla a letto, confortata dal caldo abbraccio di mamma e papà...

Irene Biemmi, esperta di pedagogia di genere e delle pari opportunità dell’Università di Firenze, è l’ideatrice e curatrice di Sottosopra, collana della casa editrice EDT Giralangolo che racconta di realtà rovesciate, in cui si sovvertono i ruoli stereotipati di genere. L’autrice ha alle spalle una lunga lista di libri di narrativa e albi illustrati scritti “per offrire alle bambine, ma anche ai bambini, un immaginario più ampio e variegato rispetto a quelli che tradizionalmente passano negli albi illustrati” - come racconta lei stessa in una presentazione di Sono una selvaggia. I personaggi dei suoi racconti lanciano in coro lo stesso messaggio di Anna, la bambina selvaggia di questo libro pubblicato con la Erickson: “Le bambine e i bambini possono far tutto indipendentemente dal loro sesso biologico di appartenenza”. Le illustrazioni sono di Ilaria Urbinati, insegnante all’Istituto d’Arte Applicata e Design e alla Scuola Holden di Torino, che ha alle spalle decine di albi illustrati, copertine e graphic novel che si distinguono per il suo acquerellato dalla pennellata leggera e dai colori pastello. Ama disegnare personaggi femminili: “mi piace lavorare sul femminile e mi piace l’idea che le donne siano creature un po’ “altre”, che vadano scoperte e che abbiano la capacità di aprire dei mondi”, spiega in un’intervista. Ad arricchire il tutto, il libriccino Una storia selvaggia. Consigli per una lettura ragionata, allegato all’albo, senz’altro utile ai genitori più che ai bambini, che invece godranno semplicemente della straordinaria energia di Anna, che rende eccezionale la normale quotidianità.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER