Demone dentro

Demone dentro
Autore: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Due barche si avvicinano ad un’isola sperduta nell’oceano, ma senza incontrarsi. Ne discendono due uomini, uno giovane l’altro più adulto, ognuno si incammina solitario nell’entroterra. È un luogo buio, freddo, umido, si intravedono creature strane nascoste tra gli alberi. La marcia continua fino a quando i due uomini si ritrovano l’uno di fronte all’altro davanti ad un grande fiore bianco. Sembrano riconoscerlo, entrambi sapevano che lo avrebbero trovato. Segue un breve scambio di battute: “Sei qui per il mio stesso motivo?”, “Pen… penso di sì”, “Hai il libro?”, “Sì!” “Andiamo, la strada fino alla cima è lunga e tortuosa!”. Flashback: l’uomo adulto di sveglia. Nel letto è solo, il posto accanto al suo è vuoto. Si domanda dove finiscano ogni mattina le sue ciabatte. Eppure, la sera, le lascia sempre accanto al letto. Ci sono due biglietti del cinema su un tavolino. Due biglietti vecchi. Un ricordo. Un altro flashback: l’uomo giovane è a lavoro. Un open space. Il capo che grida, il collega che sfotte, i ritardi, gli errori. Eppure si chiama Ulisse. Un nome importante, ma poco adatto per lui. Forse non ha il carattere, la grinta, altro. Ma allora cos’è quell’ombra oscura che non sembra abbandonarlo neppure una volta rientrato in casa?...

Opera prima per Mattia Iacono, cover designer e fumettista romano diplomato alla Scuola Internazionale di Comics. Demone dentro è una graphic novel dalle pagine agili e dalla narrazione fluida. Le vignette sono ampie, di gran respiro e la colorazione netta e dai toni pastello esalta la pulizia ed il nitore del tratto, semplice e molto espressivo al contempo. Ciò che però maggiormente piace è la sensazione che le tavole, più che descrivere o raccontare una storia, vadano a rappresentare qualcos’altro. Anche se non dichiaratamente, tutta la narrazione ha un ottimo accento metaforico: il viaggio, l’isola, il fiore bianco, i violacei animali che Ulisse e Wantoo incontrano sono tutti elementi di superficie, tasselli che ricoprono la vera storia, quella “nascosta dentro” appunto, la storia della lotta tra il modello con cui si cerca di vivere e quei tumulti interiori di violenza, rabbia, frustrazione ed insofferenza che certe volte perforano quel guscio protettivo in cui cerchiamo di contenerli. Quello di Iacono è un po’ un altro viaggio di Astolfo sulla luna per recuperare il senno di Orlando, ma non è difficile rintracciarvi anche delle eco del Cuore di tenebra di Conrad e della sua wilderness in quell’accostamento tra natura selvaggia ed emozioni fuori controllo. Demone dentro si colloca, quindi, nel panorama delle graphic novel italiane come un prodotto nuovo ma non acerbo e che anzi già sottintende una studiata capacità narrativa ed un piacevole equilibro tra ciò che viene narrato e ciò che viene lasciato all’interpretazione del lettore.


LEGGI L’INTERVISTA A MATTIA IACONO

 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER