Jeff Hawke nello spazio

Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 
Dalla base delle Nazioni Unite su Titano, luna di Saturno, arriva una notizia inquietante: un razzo terrestre ha effettuato un atterraggio d'emergenza dopo esser stato attaccato da una strana astronave simile a un guscio di noce illuminato da continue esplosioni atomiche, in orbita attorno a Saturno, nei bizzarri anelli del pianeta. Il pilota Jeff Hawke è in vacanza sulle nevi del Canada assieme al collega Mac McLean e alla fidanzata Laura. Proprio mentre Jeff - approfittando del magico panorama innevato - sta per chiedere la mano di Laura, arriva una chiamata d'urgenza dall'ONU: la squadra deve interrompere la vacanza e partire immediatamente per Titano a investigare sulla misteriosa astronave extraterrestre e se necessario distruggerla. E' l'inizio di una strabiliante avventura che porterà Jeff Hawke a confrontarsi con un popolo alieno in esodo dopo una guerra devastante e addirittura con il mistero dell'antimateria... Il volume Mondadori, terzo della serie spin-off che la celebre rivista di fantascienza Urania ha per un breve periodo dedicato ai fumetti, è una 'compilation' delle più suggestive avventure di Jeff Hawke: da H1101 a H1549, da H1713 a H1938 e altre tre avventure con protagonista Chalcedon il dominatore alieno, uno dei 'cattivi' più amati dai lettori, H2164-H2285, H3624 H3752 e infine H3820-H3847 (le strisce sono numerate progressivamente e precedute dalla lettera H).
Originariamente apparse sul quotidiano britannico Daily Express, le strisce di Hawke sono andate avanti per qualcosa come trent'anni ininterrottamente, dal 1954 al 1985, anche se con un limitato successo in patria (dove infatti oggi il personaggio è pressoché sconosciuto), e pubblicate in Italia (dove invece hanno avuto un grande successo, come in Svezia) dapprima dal settimanale Linus e dal quotidiano Il Messaggero, e poi integralmente molti anni fa nella splendida edizione cronologica della Milano Libri. La fantascienza di Jordan e Patterson, costretta nei limiti angusti della scansione a tre vignette quotidiane, punta tutto sulla raffinatezza e sul fascino: vive di atmosfere e ritmi lenti, dando vita a uno strano ibrido tra l'approccio ecumenico-diplomatico-politically correct che ha fatto la fortuna di Star Trek e gli stilemi del fumetto sci-fi d'autore europeo e sudamericano (soprattutto nella definizione dei personaggi extraterrestri, forse i più plausibili e sorprendenti di sempre). Il tratto di Jordan - incredibilmente maturo sin dagli esordi - rilegge lo stile classico-figurativo della EC Comics e lo modernizza grazie a un uso delle ombre assolutamente moderno: la fascinazione per razzi e aerei di ogni tipo di Jordan (pilota per molti anni anch'esso come Jeff Hawke) è un ulteriore motivo d'interesse di un fumetto che le nuove generazioni devono assolutamente riscoprire.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER