Teenage Mutant Ninja Turtles 2

Sul pianeta D'Hoonib, uno scienziato sta lavorando alacremente a un macchinario per il teletrasporto, pressato dai militari del suo mondo, che da anni finanziano le sue ricerche e sono stufi di non vedere risultati concreti. A dire il vero, un prototipo di transmat c'è, ma sarebbero necessari ancora parecchi test prima di utilizzarlo. Il dottor Honeycutt sa di non avere il tempo per quei test, perché nel pomeriggio il generale Blanque ha annunciato che farà visita al laboratorio per controllare l'andamento dei lavori. Mentre rimugina sulla faccenda, scopre che tramite un'altra sua invenzione, il mentawave, riesce a percepire i pensieri di un robot operaio. Mentre i due stanno 'parlando' vengono colpiti da un fulmine: l'elettricità causa un inatteso fenomeno: la mente del dottor Honeycutt finisce nel corpo del robot. Proprio in quel momento giungono i soldati del generale Blanque, che credendo che il robot abbia assassinato lo scienziato, lo inseguono. Fugitoid si rifugia in una foresta, e qui incontra degli amici dall'aspetto davvero mostruoso...
Il secondo trade paperback della serie delle Teenage Mutant Ninja Turtles edita da 001 è un po' più eterogeneo del normale nella composizione: il numero 1 dello spin-off (e al tempo stesso in questo caso crossover) Fugitoid, i numeri 5, 6 e 7 della serie regolare datati fine 1985-inizio 1986 e infine uno Speciale natalizio dell'85 con protagonista il solo Michelangelo. Non solo: le storie hanno tutte – tranne la pura action de Gli alieni di Natale – una connotazione fortemente fantascientifica. In giro per l'universo come pedine di spietate guerre aliene o testimoni di silenziose invasioni di extraterrestri sotto spoglie umane, i simpatici rettili newyorchesi garantiscono humour, leggerezza ed energia a un plot che con protagonisti meno adrenalinici e ironici rischierebbe pericolose ingenuità.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER