Thanos Quest

Thanos Quest

Thanos ha ricevuto da Lady Morte, la dea a cui ha dedicato tutta la vita, il terribile incarico di uccidere la metà degli esseri viventi dell’universo. Il titano non ha vacillato di fronte a questo ordine e tuttora continua a rispettare il volere della sua macabra signora. Lei lo ha riportato in vita e ha aumentato i suoi poteri, ma la sua forza non è ancora sufficiente per eliminare una mole talmente spropositata di esseri viventi. Il potere di Thanos deve aumentare ulteriormente ed è proprio lui a rivolgere tale richiesta a Lady Morte, o meglio alla donna mostro completamente bianca che fa da interprete alla padrona del Titano. Quest’ultimo afferma che solo attraverso le sei gemme dell’anima potrà avere il potere necessario per assolvere il suo compito. Lady Morte sa di potersi fidare del suo pupillo, che l’ha servita con assoluta devozione anche durante la prima esistenza, così lo lascia partire per la missione alla ricerca dall’Intermediario, un essere superiore che possiede la prima gemma reso prigioniero da Lord Caos e Padron Ordine. Viaggiando sul suo trono spaziale, Thanos raggiunge il luogo dove il detenuto è stato chiuso in una sfera colorata al cui interno si nota uno sfondo viola, forse una sostanza che fortifica la cella dell’Intermediario. Quest’ultimo riconosce immediatamente il Titano e pensa di potersi approfittare della sua presunta ingenuità. Si ritiene di gran lunga superiore a lui, ma ammette a se stesso che con le sue uniche forze, anche se di livello strabiliante, non riuscirà a riconquistare la libertà. Ecco perché deve ascoltare le parole di Thanos…

Thanos è il personaggio a cui Jim Starlin è più affezionato. Uscito inizialmente sulle pagine della testata di Capitan Marvel, durante la sua prima esistenza il mostruoso titano aveva come unico obiettivo sedurre la personificazione della morte, Lady Morte. Nelle intenzioni del suo creatore doveva rappresentare il Thanatos, ossia una delle due parti della psiche umana: Starlin concepì questo personaggio dalla mentalità affascinante ma dall’aspetto fisico orrendo mentre, ancora arruolato in marina, stava frequentando un corso di psicologia al College di Detroit. Per compiacere la sua oscura e riprovevole signora, conosciuta durante un’infanzia vissuta da reietto malgrado fosse il figlio del leader degli dei di Titano, Thanos decise di scatenare un conflitto nucleare sul suo pianeta. Da quel momento iniziarono le peripezie del semidio, che visse l’ultima avventura della sua prima vita nel 1977 quando venne tramutato in pietra. Jim Starlin e la Marvel decisero di narrare la sua resurrezione oltre dieci anni dopo, sulle pagine di Silver Surfer, avvenuta ad opera della sua amata Lady Morte che gli chiede di uccidere metà degli abitanti dell’universo. Le nuove vicende che videro protagonista Thanos sono apparse nel 1990 nei due albi The Thanos Quest, riproposti di recente dalla Panini Comics in un unico volume. La miniserie era la continuazione dei numeri che andavano dal 34 al 38 della terza serie di Silver Surfer e fece da prologo alla saghe crossover Il guanto dell’infinito, La guerra nell’infinito e La crociata dell’infinito. Starlin offre al lettore dialoghi brevi e incisivi, che ben si addicono al disegno di Ron Lim caratterizzato, come nella tradizione Marvel, da scatti improvvisi, panoramiche audaci e movimenti in genere acrobatici e suggestivi. Un’opera che si legge agevolmente, capace di trascinare per un’ora di svago in un universo ricco di fascino e mistero, dove alla tecnologia futuristica si affianca la dimensione parallela dove opera la psiche dei personaggi, umani nei loro desideri come nella loro capacità di alternare la fedeltà alla menzogna.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER