Intervista a Carlo Mazzoni

Carlo Mazzoni
Articolo di: 
Carlo Mazzoni è entrato nel panorama letterario col piglio del predestinato. Scrive canzoni, scrive romanzi, ha il look di un rubacuori e uno stile di scrittura che sa arrivare al cuore passando sempre prima per il cervello. Dopo qualche peregrinazione editoriale è finalmente approdato a una major, e in occasione del suo debutto come romanziere per la Fandango lo abbiamo sentito via mail per voi.
Amicizia e amore come è noto hanno da sempre una relazione complicata. Coesistono eppure sono incompatibili, sono incompatibili eppure si scambiano spesso i ruoli. Quanto c'è di amicizia e quanto c'è di amore nel rapporto tra Matteo e Gio?
Il legame che lega Matteo e Gio è una passione che punta sugli estremi, sulle incertezze, sulle pulsioni e su tutto quello non si può comprendere a priori. Si tratta di due maschi sicuri di loro stessi, coraggiosi, che voglio cercare e scavare e andare, “per le vie del mondo e per le arterie degli uomini”. Matteo e Gio sono due leoni, la sensualità appartiene ai loro caratteri, la condividono e la aggrediscono. Sono due maschi che emanano fuoco, sempre e comunque, fra di loro e sugli altri, su chiunque li avvicina.


Cos'è la memoria per un essere umano? Vale sempre la pena di nuotare nel mare dei ricordi oppure a volte sarebbe meglio un pietoso oblio?
Noi siamo fatti di memoria così come siamo fatti di sangue. Ogni giorno che viviamo è un ricordo in più che ci rende più sensibili. Sarebbe certamente più facile, meno faticoso, vivere nell’oblio -  ma non è possibile, così come non è possibile vivere senza sangue.


Per il lancio di Due amici stai utilizzando in modo intensivo le potenzialità che il Web - social network inclusi - offre oggi a chi pubblica un libro. Quanto credi a questi nuovi mezzi promozionali in editoria? Quanto sta cambiando il ruolo dello scrittore, ora sempre più promoter di se stesso?
Ogni artista oggi è promoter di se stesso, si tratta di contemporaneità, pregnanza attuale. Credo alla comunicazione sul web, ai video sul web. Cerco una sperimentazione nel suono e nel visuale. Legato a “Due amici” è stato il video “Estate”, già online. A luglio uscirà il video di “Contro di me”, il brano selezionato per Sanremo 2010. A settembre è previsto il progetto “Il fuoco” una poesia sulla musica a cui credo molto.


Il tuo stile di scrittura a tratti ricorda molto l'approccio che si ha quando si scrivono le liriche di una canzone. Il tuo essere cantautore c'entra in qualche modo?
Cerco un italiano ritmico, le sincopi nelle sillabe. Le mie frasi sono esperimenti di suoni – questo è quello che cerco, spero di fare. Vorrei sempre di più avvicinare la scrittura alla musica, con una ricerca sulla voce, sul timbro – sul suono, appunto.


Quanto pesa l'esperienza del diabete e perché hai deciso di parlarne in un romanzo?
Come succede a Matteo nel romanzo, il diabete mi ha formato, forgiato il carattere. Mi ha insegnato il rigore, la concentrazione. Mi ha reso più forte perché più sensibile. Tutti a un certo punto, verso la metà della nostra vita, dobbiamo accettare che non siamo più nella fase ascendente – che non stiamo più crescendo, ma stiamo morendo. Contiamo gli anni che abbiamo vissuto e sono di più di quelli che abbiamo da vivere. Proviamo la sensazione che la nostra vita non sia più in salita, ma in discesa. Io questa sensazione l’ho provata presto, a vent’anni, per via del diabete.


Perché la tua immagine sulla copertina del libro? Non temi che tutto possa sembrare troppo glamour togliendo sostanza alla tua proposta letteraria?
Mettere la mia faccia in copertina per me significa essere sincero. Questa storia racconta me, come sono cresciuto. Non penso potesse esserci immagine più coerente – e mi domando perché la mia faccia possa essere sinonimo di glam. Metà della mia faccia: i due amici sono le due parti di me. Non è il doppio, ma sono uno la metà dell’altro – la metà di me.

I libri di Carlo Mazzoni

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER