Intervista a Carmen Russo

Carmen Russo
Articolo di: 

Ecco un'insospettabile mangiatrice di libri. Se ne sta seduta a un tavolo di un caffè e legge. Non posso sbagliarmi, è Carmen Russo, mi avvicino e attacco bottone: strano, non lo faccio mai, ma il libro è una calamita. Iniziamo a chiacchierare, Carmen conosce Mangialibri e proprio ai lettori di Mangialibri propone una piccola sfida, così decido di appuntarmi le sue risposte.


 

Che libri acquisti abitualmente?

Amo leggere, sono una persona curiosa e sto molto attenta anche a quello che il popolo dei lettori sceglie. Penso che se tante persone scelgono un libro significa che hanno molte cose in comune… e grazie a quella scelta imparo cosa amano gli altri, un bel modo per incontrare le persone, un mezzo privilegiato.

 

Cosa ti attrae di un libro?

Sono attratta dai titoli, per esempio ho conosciuto Paulo Coelho incappando ne Il diavolo e la signorina Prym, l’ho trovato un titolo bellissimo e così l’ho comprato. Mi è talmente piaciuto che sono andata poi a rileggere anche i suoi libri precedenti, ed è stato una scoperta. Però c’è una cosa importante da dire: quando giro per gli scaffali di una libreria il libro mi deve attrarre, mi devo lasciar guidare, è un fatto istintivo, mi deve trasmettere qualcosa

 

E con l’oggetto-libro che rapporto hai?

Mi piace proprio la forma, il profumo, lo adoro anche come oggetto il libro, ne ho moltissimi a casa e ne compro sempre di nuovi.

 

Si dice che nel prossimo futuro la televisione sparirà sostituita da Internet, e i libri saranno soppiantati dagli e-book: cosa ne pensi?

Ho lavorato molto in televisione, e lo sto facendo anche oggi cercando di ritagliarmi degli spazi dignitosi. Oggi non è più come negli anni ottanta quando c’erano i varietà, le belle trasmissioni, oggi è cambiato il modo di fare televisione, e credo che se la gente si stanca è perché, come dice mio marito Enzo Paolo, la televisione è un elettrodomestico dipende da quello che ci metti dentro. Ci vorrebbe più attenzione, ricordarsi che tra gli spettatori ci sono anche i bambini, bisognerebbe essere un po’ più educati, bene o male si entra nelle case degli italiani. Non bisogna dimenticare che la televisione fa compagnia a molte persone anziane, dovremmo farla con più coscienza. Fa parte della nostra storia, non credo che verrà soppiantata. Il libro poi penso sia impossibile che scompaia, c’è troppa magia nello sfogliare le pagine, troppa.

 

A proposito di libri, ma è vero che sei un'aspirante scrittrice?

Eh sì! Mi piacerebbe tanto scrivere un libro. Mi piacerebbe raccontare la mia storia privata, l’amore che ha accompagnato la mia vita, mio marito, il mio lavoro certo, ma anche le difficoltà, l’impegno e il sacrificio. E poi vorrei raccontare anche la storia dei miei meravigliosi cani, ne ho ben 27! Lancio ai lettori di Mangialibri una sfida… So che tra di voi ci sono anche molti addetti ai lavori: c’è un editore che legge tra righe e ha voglia di scommettere su di me? 

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER