Intervista a E.L. James

Articolo di: 

Esordiente a quarantanove anni, E. L. James ha superato i 20 milioni di copie vendute con la sua trilogia porno-soft responsabile ‒ a quanto pare ‒ di un improvviso ritorno in auge delle fantasie sessuali BDSM nel pubblico mainstream. Un vestito azzurro a fiori blu che le aggiunge qualche anno e orecchini a perla: così si presenta la casalinga inglese a una Milano bollente già di suo, al di là dell'argomento piccante dei romanzi che sta per presentare. In poche settimane, Erika Leonard – questo il suo vero nome ‒ si è trasformata da scrittrice autodidatta ed ex produttrice televisiva in caso letterario globale. In parallelo, prolificano i gruppi che si contendono la James come madrina. Icona delle porno-mamme, delle donne curvy, di casalinghe, donne vere, delle fan del bondage, icona rossa, icona grigia… Basta un breve incontro, tuttavia, per capire che E. L. James non vuole essere portavoce di nessuno. Sincera e di poche parole, non è un soggetto facile da intervistare. Sembra che debba sempre lottare contro chi cerca di imboccarle parole non sue, a costo di passare per una bambina che vuole contraddire a tutti i costi. I suoi libri possono non piacere. Lei, è molto meglio di come te la aspetti. Zero carisma, niente giri di parole. Se un significato non c'è, non lo inventa. Per farla parlare, servono tante domande. Mi sono divertita.




Hai riferito di aver scritto la trilogia di 50 sfumature senza immaginarne il successo. Era necessario lasciare il lavoro se volevi scrivere solo per piacere personale?
Devo pur dormire. Senza contare l mio lavoro principale: ho due figli. Per scrivere bene bisogna concentrarsi. Ho provato e direi che mi è andata bene.

Per quale motivo pubblichi sotto pseudonimo? La tua identità ormai è nota…
Sulle prime pensavo di tornare a lavorare, dopo aver finito i libri.

Qual era il tuo obiettivo quando ti sei messa a scrivere la trilogia?
Mettere su carta una storia d’amore. Divertirmi a svilupparla seguendo un’idea smaliziata, mostrando come si comportano i sentimenti quando a tenere le fila del rapporto c’è un contratto di sottomissione come quello che Grey impone ad Anastasia.

Quali pensi che siano le ragioni del tuo successo? Un ritorno di fiamma dell’amore perverso o al contrario una lunga repressione dello stesso?
Si legge per evadere dalla realtà. Tra le mie pagine c’è sesso ed è sesso estremo, ma si tratta pur sempre di una storia d’amore. Credo che i miei lettori cerchino questo e in ogni caso è quello che ho cercato di dare, nient’altro.

Ti va di raccontarci il momento in cui è nata l’idea? Se non è una domanda troppo indiscreta, dato l’argomento...
Niente di intimo. Nel 2008 ho visto Twilight al cinema e mi ha catturata, iniziandomi a un filone di fiction che non conoscevo. Ho chiesto a mio marito di comprarmi i libri, che ho letto e riletto varie volte. Mi hanno ispirata. A quel punto mi sono messa a scrivere. Un primo libro da cestinare in toto, un secondo che si è inceppato troppo presto e così via. Buttavo giù centinaia di pagine inutilizzabili. Alla fine, sono arrivata a iniziare una storia in cui credevo e che mi ha permesso di infondere alle mie frasi uno stile narrativo di buon livello.

Facciamo un passo indietro. A quali altri film o libri hai pensato, oltre a Twilight?
Il primo che mi viene in mente è Will Hunting, genio ribelle, del 1997.

C’è un po’ di Will (nel film interpretato da Matt Damon) in C. Grey?
Sono entrambi due personaggi disadattati, con un’infanzia difficile e forti difficoltà relazionali. Soprattutto, entrambi si svelano con estrema lentezza e mutano via via che si aprono.

Altri titoli?
Diverse trame dove con un protagonista maschile “very fucked up”. Non solo storie d'amore, dev’esserci un pizzico di qualcosa in più. Una piccola dose di thriller. Vedrete con i libri successivi al primo che la trama si sviluppa, ci sono separazioni, ritorni e rivelazioni. Amore e sesso, ma anche mistero.

Puoi raccontarci l’emozione che si prova quando il proprio libro diventa un bestseller mondiale?
Ero incredula. Mi ripetevano queste cifre e non mi rendevo conto di quello che volevano dire. Adesso capisco meglio. Ogni tanto qualcuno azzecca una formula, a me è andata così.

Il successo ti ha cambiata?
Credo di no. Semmai la scrittura ha modificato la mia vita come può fare un’attività che ti riesce bene e che svolgi con passione. Certo, ci sono delle conseguenze innegabili, anche l’essere a Milano oggi... chi se lo sarebbe immaginato?

Come ti sei documentata?
Ho cercato contatti e informazioni su Internet. Ho fatto qualche telefonata, parlato via mail con persone dedite alla dominazione e con alcune che sottoscrivono contratti di questo genere. La vera fonte, ad ogni modo, è la fantasia.

Ti piace incontrare i tuoi lettori di persona, oltre che sul web? Trovi il tempo di rispondere alle mail e ai tweet che ricevi?
Purtroppo non posso rispondere a tutti, ma amo conoscere dal vivo chi legge i miei libri. In fase di stesura mi sono resa conto che stavo sfornando una fan fiction e alla fine non mi dispiace affatto che sia così.

Ci sono dei lati negativi nell’avere così tanta attenzione, immagino. Sbaglio?
Sì, ci sono. Per esempio, tutti vogliono indagare il perché di certe scelte narrative. Ho solo scritto dei libri e inventato un intreccio! C’è decisamente troppo chiacchiericcio intorno ad una semplice opera di narrativa da leggere per concedersi una pausa.

E poi naturalmente c’è la versione cinematografica. Sei stata felice di vedere la tua opera sul grande schermo?
Quando la Universal Pictures mi ha chiesto i diritti, non sapevo se dire sì o no. Mi sono domandata se volevo arrivare a novant’anni e pensare che avrei potuto vedere il mio libro al cinema e invece avevo scelto di non farcelo arrivare. La vita non è una prova generale, così ho accettato.

E tuo marito? Come ha reagito ai contenuti “conturbanti” dei tuoi libri?
Mi ha dato pieno supporto. Scrive contenuti per la televisione e ha definito il mio scritto “Bloody well done”, dandomi un sentito sprone. Mi anche aiutato molto nelle revisioni.

Ultima domanda: pensi che le fantasie sessuali debbano essere messe in pratica?
Le trovo divertenti da leggere, tutto qui. Alcune persone le realizzano traendone piacere, ma sono questioni private, per ognuno è diverso.

I LIBRI DI E.L. JAMES

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER