Le (st)renne di Babbo Natale: breve guida agli acquisti

Le (st)renne di Babbo Natale: breve guida agli acquisti
Articolo di: 
Dei libri illustrati – probabilmente il settore più dinamico del panorama librario italiano degli ultimi anni – ormai si parla tutto l’anno e la scadenza del Natale rappresenta per gli editori un’occasione preziosa per proporre ai lettori la parte più pregiata della produzione, i millesimati, che trovano un pubblico più ricettivo e, di solito, spending rispetto ad altri periodi dell’anno (chi negherebbe un bel libro per Natale al proprio pargolo). Ecco una breve e inevitabilmente parziale rassegna di cosa troveremo sugli scaffali delle librerie sotto le feste. Il titolo è quello che è, ormai è andata…

Pop-up
Dai maghi del pop-up Robert Sabuda e Matthew Reinhart l’ennesimo pezzo di bravura di paper-engineering. Draghi e mostri è il terzo, prodigioso episodio della serie “Enciclopedia Mitologica” (Rizzoli) e ha tutti gli ingredienti che hanno fatto la fortuna dei primi due volumi. Spettacolari e intricatissime sagome pop-up su doppia pagina che ritraggono creature fantastiche, a volte anche un po’ inquietanti (una pietrificante testa di medusa con annessi serpenti, un maestoso dragone cinese costruito con carta velina rossa, …), e poi tante mini-finestre e relativo “salta-su”, con succosi approfondimenti sul tema “mostri e folklore”. Un libro, come avrete capito, per bambini che amano le emozioni forti.

In tema di progetti cartotecnici applicati a libri illustrati con un passato “flat”, vale la pena citare la nuova edizione pop-up de L’incredibile bimbo mangia libri (Zoolibri) di Oliver Jeffers, pluripremiato autore e illustratore nord-irlandese trapiantato a Brooklyn. Il racconto surreale delle imprese di un ragazzino che passa il tempo divorando volumi di tutti i tipi – e soltanto quando il suo stomaco comincia a dare inequivocabili segnali di scompenso, capisce che in fondo è più appagante leggerli – acquista una nuova dimensione interattiva (tutta alza, sfoglia, tira, ruota) che ne smussa un po’ il tratto onirico.

Magazzini Salani ripropone invece il superclassico di Roald Dahl La fabbrica di cioccolato, illustrato sempre dal grande Quentin Blake. Purtroppo (ma inevitabilmente) il testo originale è stato adattato alla nuova veste grafica; il libro di Dahl però funziona anche così, e l’esperienza senso-letteraria garantita dai fastosi giochi di carta è davvero inebriante.

E per finire un’incursione nell’universo degli amatissimi lucertoloni preistorici con un bel pop-up scientifico pubblicato dall’unica casa editrice specializzata del settore (Editoriale Scienza). Ormai i dinosauri stanno ai bambini di oggi come i soldatini a quelli di ieri; l’interesse nei loro confronti non conosce flessioni, si rigenera ad ogni svolta delle mode e resiste alle meteore ludiche che nascono dai cartoni “del giorno”. Viaggio nel mondo dei dinosauri (scritto da Dougal Dixon con la consulenza di un esperto dell’università di Glasgow) oltre a fornire tutte interessanti notizie per paleontologi tra gli 8 e gli 11-12 anni, non lesina sui gadget cartografici da “oooooh”: paginoni con linguette, dischi rotanti a corredo di elaborazioni al computer di realismo impressionante. I pop-up in senso stretto sono d’effetto ma piuttosto convenzionali, nel libro però c’è proprio tutto quello che i vostri bambini avrebbero voluto sapere sui dinosauri, esposto in modo chiaro, interessante e... scientifico!

Flatlandia

Ma il settore degli illustrati per bambini (in attesa delle rivoluzioni promesse dai tablet e dagli e-book) vive anche di splendidi libri ancora, cocciutamente, in due dimensioni.

Come Obax di André Neves, premio Jabuti come "miglior libro per l’infanzia 2011” (il più importante premio letterario brasiliano), pubblicato in Italia da bohem press. La protagonista è una bambina africana nata per immaginare e raccontare storie. Un dono, una benedizione direte voi. Non per Obax che sembra condannata, piccola Cassandra, a non essere creduta da nessuno e decide di allontanarsi dal villaggio, di partire, in compagnia dell’elefante Nafisa, per cercare in giro per il modo la “sostanza” delle sue incredibili storie. Tenero, vitale, illustrato con grazia e originalità, l’albo ridisegna, in una suggestiva chiave etnica, il tema della forza creativa del raccontare e della linea sottile che separa a volte realtà e leggenda, esaltando, una volta di più, il legame spirituale indissolubile che unisce il popolo africano alla sua terra.

Tra le altre novità natalizie, Giralangolo propone un divertente albo made in France, adatto soprattutto alla fascia pre-scolare. Coloratissimo, su grande formato e illustrato con eleganza naive, Il libro dei regali straordinari è un campionario di sonni ad occhi aperti, una variazione sul tema “se avessi la bacchetta magica vorrei...”. Si parte da un’idea tutto sommato minima, ma ne nasce un libro potente e gioioso, capace di rinforzare nei più piccoli il senso di autostima e la voglia di sbrigliare la fantasia. Tra trampoli altissimi per fare passi da gigante e biglietti per la giostra validi per tutta la vita, non c’è che l’imbarazzo della scelta…

Anche José Saramago, celebre scrittore portoghese, premio nobel per la letteratura nel 1998, credeva molto nel tempo dell’infanzia e nelle risorse inesauribili dei bambini tanto da dedicargli un poeticissimo racconto, Il più grande fiore del mondo, pubblicato oggi da Feltrinelli e accompagnato dalle tavole intense e suggestive di Emiliano Ponzi. Nella storia inventata da Saramago, un fiore solitario, accampato su un’arida collina e ormai quasi appassito per mancanza d’acqua, viene salvato dal gesto eroico di un bambino che supera ogni ostacolo per raggiungere il fiume e dissetarlo; forse il grande autore portoghese, come sostiene nell’incipit, non conosce forse abbastanza la grammatica e il lessico delle storie per bambini, ma, da neofita di lusso, ha fatto un gran bel lavoro.

Per un Saramago pronto a tornare al ruolo di scolaro, due maestri d’eccezione della letteratura per l’infanzia di nuovo in libreria con una coppia di libri illustrati da non perdere.

Orecchio acerbo, dopo il bellissimo Lafcadio, torna a pubblicare quel geniaccio di Shel Silverstein (1930-1999), artista americano dai mille talenti (poeta, compositore, paroliere, musicista, scrittore, illustratore) capace di creare col suo tratto inconfondibile alcune tra le storie più amate dai bambini e dai grandi di tutto il mondo. Chi vuole un rinoceronte a prezzo speciale? (1964) dimostra, al di là di ogni ragionevole dubbio, che un enorme rinoceronte può rivelarsi un perfetto animale domestico, capace di numeri da far impallidire il più coccoloso dei mici. E tutto condito dalla sottile ironia e dalla “sofisticata immediatezza” di Silverstein.

Dal bianco e nero di Chi vuole un rinoceronte al trionfo del colore di Art e Max (Il Castoro), ultima fatica del plurimedagliato Caldecott – per chi non lo sapesse, il più prestigioso premio americano dedicato ai picture book per bambini – David Wiesner, uno che non lascia quasi nulla al caso nei suoi albi. In uno scenario da frontiera americana, cinque lucertoloni alla Rango (Art, Max e un trio di buffi osservatori) sono alle prese con cavalletto, tela e pennelli. Dalla divergenze d’opinioni artistiche tra i due rettili nasce un surreale situazione in cui Arturo resta vittima delle velleità di Max e si destruttura perdendo colore e forma. Il tentativo, riuscito, di riportarlo (quasi) alle sembianze originali, servirà ai due per scovare la tanto agognata  ispirazione. Un’avventura pirotecnica nel mondo dei colori, una meta-lezione sulla pittura e sull’arte, l’ennesimo pezzo di bravura di un fuoriclasse dei libri illustrati.

Arrivano i nostri!
Mi accorgo soltanto ora che la rassegna stava per chiudersi quasi senza italiani (con l’eccezione delle matite di Emiliano Ponzi al servizio della fiaba di Saramago). Corro subito ai ripari con un paio di segnalazioni nel senso di un ribilanciamento verso il made in Italy (di questi tempi la parola “patriottismo” ha un suono nuovo e migliore).

Con La bambina che ascoltava gli alberi (Edizoni Corsare) – tra i libri italiani segnalati nel 2011 al Cj Picture book Award – Cristina Pieropan si conferma come una delle artiste più interessanti degli ultimi anni. Le sue preziose incisioni, con la patina di antico che riescono a riprodurre sulla pagina, proiettano la storia della bimba col caschetto – capace sentire così profondamente il respiro della natura (degli alberi, più precisamente) da prenderne alla fine le sembianze – in una dimensione da fiaba mitologica, seguendo, da vicino l’esperta (esperta scrittrice per l’infanzia) Maria Loretta Giraldo, capace di distillare un testo di classica purezza, in cui ogni parola si sforza di essere evocativa e in cui il tempo narrativo resta sospeso in cadenze realmente “arboree”. Un libro raffinatamente ecologista.

Anche ne Le Favole del lupo e della volpe c’è di mezzo la natura (impersonata dagli animali parlanti protagonisti di questi immortali racconti morali) ma qui la natura è il mezzo per parlare agli uomini di loro stessi, dei loro vizi, delle loro virtù, delle leggi non scritte nelle relazioni che stabiliscono. Prìncipi & Princìpi le ripropone con le “storiche” illustrazioni di Pirro Cuniberti (a quasi sessant’anni dalla prima pubblicazione). Classe 1923, allievo di Morandi, Cuniberti fa un lavoro da vero illustratore per bambini: porge, sorride, colora, descrive, ridando splendore a testi (selezionate in base al tema animale “lupo” o “volpe”) che risentono invece un po’ dell’età. Da un protagonista dell’arte italiana del ‘900 una lezione di stile e duttilità su un classico tra i classici.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER