Agatha Christie e il mistero della sua scomparsa

Agatha Christie e il mistero della sua scomparsa

C’è un evento nella vita di Agatha Christie che tutti i suoi lettori conoscono, ma sicuramente non nei dettagli: la scomparsa, datata 3 dicembre 1926, e il ritrovamento della scrittrice avvenuto undici giorni dopo, grazie al riconoscimento del marito, il colonnello Archibald Christie. Dov’era? Si era registrata con il nome di Teresa Neele (cognome dell’amante del marito) presso un albergo di Harrogate, nota località termale inglese, dove il marito avrebbe dovuto passare il weekend con l’amante. La giustificazione data ufficialmente alla stampa da parte del marito fu quella dell’amnesia dovuta alla recente perdita della madre alla quale la scrittrice era molto legata. Chi avrebbe voluto punire, invece, la Christie con il suo gesto? Suo marito, che le aveva dichiarato di essersi innamorato di Nancy Neele - una relazione nata sui campi di golf nei momenti in cui lei restava in casa a scrivere. Suo marito che per molto tempo era rimasto senza lavoro e avrebbe voluto approfittarsene delle entrate che Agatha aveva per la pubblicazione dei suoi libri. Suo marito dal quale aveva avuto una figlia che non voleva perdonare alla madre di non essere amata dal padre. La riservatezza di Agatha opposta alla sfacciataggine dell’amante che frequentava club di golf, sport al quale Agatha aveva iniziato il marito. Poi ai club aveva preferito la scrittura, ma amava quell’uomo che definiva “venuto dal mare”. La villa di Styles fu per un periodo teatro di burrascose liti nonché della rottura che avvenne proprio nel 1926, anno in cui la Christie aveva già acquistato notorietà. La sua scomparsa significava, pertanto, avere tutta l’opinione pubblica con gli occhi puntati addosso. Ma lei poteva immaginarlo? È il 4 dicembre mattina quando la sua auto, una Morris Cowley, viene ritrovata in folle e con i freni non inseriti in fondo ad un dirupo di circa trecento metri. Ovvio chiedersi per gli inquirenti – proprio come se fosse uno dei suoi gialli – suicidio od omicidio? Certo è che le preoccupazioni di Archie erano forti: se la sua relazione clandestina fosse stata scoperta ci sarebbe stato anche il movente se non si fosse più trovata, e in ogni caso si sarebbe gridato allo scandalo...

Nella sua prefazione Jared Cade racconta che prima di Agatha Christie e il mistero della sua scomparsa, le biografie sulla vita della celebre scrittrice di gialli sono state due: una non autorizzata che evidenziava contraddizioni nelle affermazioni pubbliche dei familiari; l’altra, autorizzata, che ha trattato con pietismo la scomparsa, concentrandosi maggiormente sulle colpe della carta stampata. E nell’autobiografia pubblicata postuma nel 1976, si sa, la Christie non menziona l’accaduto. In cosa si differenzia il lavoro di Cade dai primi due? Innanzitutto nel suo libro spiccano l’amore e la passione per i romanzi di Agatha Christie e poi, inevitabilmente (succede a tutti i veri fan) la curiosità e la voglia di sapere davvero, senza credere ai filtri mediatici, che cosa ne è stato di quei giorni. Niente sarebbe stato possibile senza il pieno appoggio dei familiari della scrittrice:  la cognata Nan Watts, complice della sua fuga, e i nipoti Judith e Graham svelano a Cade i particolari più nascosti, le lettere private, le foto di famiglia - riprodotte in parte nel libro - perché in lui hanno riconosciuto un autentico lettore. Non solo, dunque, una biografia che narra i fatti in maniera analitica, ma che si muove in almeno altre due direzioni: la prima volta ad evidenziare le abitudini e gli ambienti in cui la Christie è cresciuta e che hanno determinato in seguito il suo carattere timido e romantico; la seconda che mette in relazione la vita privata non solo con quella di scrittrice, ma anche e soprattutto con le sue opere. È per questo che Agatha Christie e il mistero della sua scomparsa  è consigliato in particolar modo a chi da Agatha Christie e dai suoi romanzi è sempre rimasto affascinato e di lei ha letto molto o tutto. Provate a rileggere (o leggere!) Poirot e i quattro oppure L'assassinio di Roger Ackroyd o ancora Poirot a Styles Court dopo aver scoperto questa biografia. Vi sembreranno come nuovi!



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER