Al traditor s’uccida

Al traditor s’uccida
Alla fine degli anni Sessanta del Quattrocento l’Italia è di fatto una polveriera. La pace di Lodi del 1454 è il frutto degli effetti estenuanti della guerra fra i diversi Stati regionali italiani e non di un reale desiderio di sereno e consapevole equilibrio, con tensioni momentaneamente sopite fra i diversi contendenti. In quel tempo Cecco D’Andrea detto il Veggia, vive in una casa di pietra a Bastignano, su un poggio che sovrasta la vallata attraversata dal fiume. Il podere annesso alla casa  è modesto ma bello,  sufficiente per vivere decorosamente. La mattina di domenica 26 aprile 1478, un gruppo di persone parte dalla villa La Loggia, di proprietà della famiglia Pazzi, e prende per Firenze: sono il cardinale Raffaele Sansoni Riario, l’arcivescovo di Pisa Francesco Salviati e il condottiere Giovanni Battista da Montesecco. Il cardinale vuole assistere alla messa solenne nel duomo, ignorando le intenzioni dei suoi compagni di viaggio…
Ciò che è noto spesso è poco conosciuto sul serio e Niccolò Capponi sembra davvero aderire a questa massima, scegliendo di ricostruire la vicenda della congiura dei Pazzi a Firenze, giocando in modo suggestivo con un doppio piano di argomentazione: da un lato la dovizia di particolari politici che di fatto conferiscono un valore particolare al saggio; dall’altro la finzione storica, tuttavia credibile, del personaggio Cecco D’Andrea, archetipo di un “umile” attraverso cui si narra la storia dei “grandi”. Un lavoro storico certosino, quello di Capponi, autore già avvezzo a imprese saggistiche di questo genere, con il supporto di una bibliografia nutrita e di qualità e con l’intendimento certo non dichiarato, tuttavia intuibile, di riproporre la questione della complessità delle vicende politiche italiane, già contorte allora. Un saggio destinato ai cultori della storia d’Italia, senza la spocchia accademica di chi intende metterci non i capelli,ma la testa in “piega”.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER