Anime torturate

Anime torturate

Egli sa trasformare la carne umana ed è un creatore di mostri. Ascolta le voci dei Supplicanti e compare dinanzi a loro per esaudire i loro desideri. Quando si incontra con un Supplicante non c’è mai né coercizione né violenza, e il corpo diventa la tela sulla quale egli può sperimentare la sua arte. Durante il processo la violenza però c’è e in gran quantità, tant’è che sovente i Supplicanti implorano di morire durante il processo di trasformazione, ma egli non fa sconti alle anime incerte. Solo per una ebbe pietà, quel Giuda Iscariota che si lamentò talmente tanto da convincerlo a impiccarlo a un albero. Il creatore di mostri sa che il suo lavoro è lungo e laborioso e che la collaborazione dei suoi modelli è essenziale, così offre alcune piccole consolazioni, cantando per loro delle ninnananne talmente dolci da alleviare ogni pena, oppure donando loro piccoli brandelli della sua carne, un cibo balsamico e anestetico, in grado di far dimenticare ogni orrore. Una volta placato il cliente, egli ricomincia a tagliare, infibulare, bruciare, cauterizzare, torcere e riconfigurare. Egli si chiama Agonistes, e crede fermamente nella creazione della nuova carne e in Dio, che ringrazia ogni sera e mattina per aver creato un mondo pieno di sofferenza e disperazione nel quale praticare indisturbato la sua arte…

Tra i tanti progetti iniziati e, purtroppo, non completati dall’ondivago Clive Barker c’è anche l’opera Tortured Souls, esperimento particolare e intrigante che avrebbe dovuto portare alla creazione di una serie di action figures (meravigliosamente raccapriccianti) create in collaborazione con la McFarlane, di un film e del libro di cui sto per parlare. Ad oggi, a quasi vent’anni di distanza dalla creazione del progetto, abbiamo semplicemente le action figures, uscite nei primi anni 2000 e ormai di difficile reperibilità e questo romanzetto, originariamente da accompagnare alle singole action figures, che ha visto finalmente la sua prima edizione italiana grazie al certosino lavoro di recupero della casa editrice Independent Legions. Ciò che dispiace è che l’universo qui partorito dalla fertile mente del creatore di Hellraiser e Cabal è senz’altro uno dei più interessanti della sua produzione e vederlo semplicemente abbozzato intristisce il lettore il quale, senza dubbio, vorrebbe saperne di più. Il mondo di Primordium, la prima città, è un grandguignolesco delirio fanta-sadomaso-decadente in cui gli echi di una Roma da basso impero si fanno prepotentemente sentire e dove personaggi come Lucidique e il Maestro delle Falci sono rappresentazioni evidenti di una corruzione non solo spirituale ma anche fisica, come dimostrato dalle spaventose mutazioni del corpo dei protagonisti, che da semplici uomini e donne, diventano affreschi demoniaci di carne e sangue, creazioni del bisturi di Agonistes, entità mefistofelica (o divina?) nota come il “trasformatore della carne umana” o “il creatore di mostri”. Questo breve romanzo descrive una città soggiogata da un potere dittatoriale e repressivo, in cui ci sono pochi uomini liberi e tanti, troppi, schiavi, e dove ogni buona azione è schiacciata dal marciume di una società corrotta, lasciva e senza possibilità di redenzione. A ribaltare lo status quo saranno proprio le anime torturate di Agonistes, che si farà artista con le loro carni e donerà loro il potere di sovvertire l’Impero e i vari potentati del crimine organizzato, all’insegna di una violenza allo stesso tempo brutale ed elegante dove personaggi decisamente sopra le righe (descritti nei singoli capitoli) si sfideranno in una lotta senza esclusione di colpi. Peccato che il lettore sia destinato ad apprezzare solamente questa piccola anticipazione, dato che, come detto in precedenza, il progetto Tortured Souls sembra essere ormai stato definitivamente accantonato dal suo creatore.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER