Antichrista

Antichrista
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Cosa potranno mai avere in comune due studentesse adolescenti legate da una singolare e per certi versi perversa amicizia nata tra i banchi universitari? In apparenza nulla, e se le apparenze ingannano l’equivoco ben presto emerge dal controverso rapporto tra due ragazze impegnate nell’ardua impresa di maturare per raggiungere l’agognato equilibrio psicofisico. Blanche è timida, introversa, lettrice compulsiva e riflessiva. È la spumeggiante e avvenente Christa che un bel giorno l’avvicina per offrirle la sua amicizia, aprendo così una finestra sul mondo all’invisibile e complessata Blanche, che sull’onda di un entusiasmo tutto nuovo e coinvolgente invita Christa a trasferirsi a casa sua dal lunedì al venerdì per sollevarla dal lungo percorso in treno che la separa dalla scuola. Fin dal primo giorno Blanche avverte l’ondata di negatività che Christa introduce insieme alla sua valigia nella cameretta condivisa, e il dubbio che ancora pervade l’insicura ‘anfitriona’ diverrà ben presto sconcertante realtà. Ma il colpo di grazia arriva con il colpo di fulmine che Christa produce sui suoi genitori, una grigia coppia di insegnanti che la nuova presenza seduce sapientemente fino a farli “innamorare” di lei, al punto da relegare Blanche al ruolo di figlia responsabile di tutte le tristezze famigliari…
Che Amélie Nothomb si sia ispirata a esperienze personali poco importa, qui eventuali caratteri autobiografici si diluiscono nell’acuta analisi di uno dei periodi più delicati della formazione umana, l’adolescenza, quella femminile, con le frustrazioni, le angosce, gli umori e le contraddizioni con le quali molte donne devono misurarsi prima di raggiungere un equilibrio accettabile. Balza subito all’occhio la caparbietà con cui Blanche si ostina a vivere nell’ombra dei suoi complessi, concedendo masochisticamente tutto lo spazio solare all’amica-nemica. E questa è forse la parte più interessante, perché se da un lato esiste la tendenza a estremizzare il contrasto per riuscire ad attuare una propria  rivoluzione interiore di cambiamento, dall’altro c’è un sottile piacere sadico nel vedere fino a che punto può arrivare la malvagità dell’amica, e di fatto le spiana silenziosamente la strada in quella direzione. All’esplicita distinzione tra il bene (la candida Blanche) e il male (Christa, l’Antichrista che dà il titolo al romanzo) si affianca un altro contrasto interessante: è Christa che si rivelerà inaspettatamente fragile e insicura, mentre Blanche alla lunga dimostrerà abbondante tenacia e freddezza, una piccola Jane Eyre che dalle avversità attinge la forza per non soccombere, sino a ribaltare la situazione rivendicando finalmente per sé credibilità pubblica e sicurezza personale. Ma non è vincendo una battaglia che si risolve la guerra: la Nothomb racconta, sì, delle belle storie, ma qui non ci racconta storie e ci piazza un realistico finale dolceamaro per niente risolutivo. La vita è complessa quanto le implicazioni psicologiche, e senza scavare (per fortuna) troppo nei cupi e imperscrutabili meandri della mente umana, ci ricorda semplicemente che ogni conquista ha il suo prezzo. Nel caso di Blanche, il confronto con Christa non si risolve con un’apparente vittoria, ma si conclude con un primo passo verso l’emulazione dell’odiata e amata icona, che chissà mai dove la porterà. Fresca, scorrevole, delicata, semplice ma mai banale, Amélie Nothomb sforna romanzi brevi e variopinti come cup cake stuzzicanti per altrettanti momenti di delizioso intrattenimento narrativo. Forte nei dialoghi e nei monologhi, concede spazio ridotto alle descrizioni dettagliate, incanalando l’attenzione del lettore principalmente nei caratteri degli originali protagonisti. La struttura della trama è semplice, sono le considerazioni personali acute e brillanti che lanciano la storia fuori dai binari narrativi scontati. E poco importa se il romanzo ha la durata di cento pagine lette d’un fiato, la casa editrice Voland ne pubblica al volo uno dietro l’altro, non rimane che l’imbarazzo della scelta del prossimo titolo e di un buon tè per accompagnare il nuovo dolcissimo cake.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER