Appunti di un venditore di donne

Appunti di un venditore di donne

Aprile 1978. L’Italia è sconvolta dal rapimento di Aldo Moro e il clima sociale e politico è rovente. Milano è teatro degli scontri di piazza e preda del banditismo, e si appresta a diventare la bibita degli anni Ottanta. All’Ascot Club, il tempio indiscusso del cabaret milanese, muove i primi passi una generazione di comici e cabarettisti. Un luogo che, insieme ai ristoranti di lusso, le bische clandestine e le discoteche, è terreno fertile per gli affari di un uomo affascinante e impenetrabile che tutti conoscono con il nome di Bravo e che di mestiere fa il venditore di donne. Niente violenza, solo proposte. In questo modo Bravo è riuscito a farsi un nome nell’ambiente. Ma nessuno sa che Bravo ha un menomazione fisica. A causa di uno sgarbo è stato evirato. La sua vita cambia quando conosce Carla, una donna bellissima che risveglia in lui istinti ormai soffocati, soprattutto quando gli sussurra cinque parole che diventano una tortura: “Con te ci verrei gratis”. Carla vuole lavorare con lui, per lui e durante un festino avviene una strage in cui tutti vengono trucidati. Tutti tranne Carla. La donna è scomparsa e Bravo si trova coinvolto in una torbida storia in cui egli diventa al contempo capro espiatorio e preda di una caccia all’uomo che vede coinvolti i Servizi Segreti deviati, le Brigate Rosse, la polizia e la criminalità organizzata…

Che Giorgio Faletti fosse un personaggio eclettico era un fatto appurato dalla sua lunga carriera che lo ha visto cabarettista, cantante, attore e scrittore: e le pagine di Appunti di un venditore di donne danno l’ulteriore conferma che lo scrittore astigiano non riesce a soffermarsi su di un genere ma ha bisogno di allargare i suoi orizzonti e dilatarli attraverso una scrittura in continua evoluzione. Lo avevamo lasciato con Io sono dio, il thriller pubblicato nel 2009 che aveva come teatro d’azione le strade di New York e come deus ex machina la tragedia della guerra del Vietnam, e lo ritroviamo con un noir ambientato nel 1978, anno in cui l’Italia viveva un evento tragico come il rapimento di Aldo Moro e l’uccisione della sua scorta. È il protagonista, Bravo, a narrare la vicenda in prima persona e già il prologo è un pugno allo stomaco che lascia senza fiato: “Io mi chiamo Bravo e non ho il cazzo”. È lui che inizia e conduce un viaggio nel tempo in una Milano armata e blindata, bagnata dal sangue delle vittime delle Brigate Rosse e della criminalità organizzata. Ma non solo. A Milano sorge l’Ascot Club, evidente omaggio al Derby Club, il teatro dove molti artisti della comicità italiana hanno mosso i primi passi: Diego Abatantuono, Claudio Bisio, Massimo Boldi, Cochi & Renato, Mauro Di Francesco, Gino & Michele, I Gatti di Vicolo Miracoli, I Gufi, Enzo Iacchetti, Enzo Jannacci, Paolo Rossi, Francesco Salvi, Teo Teocoli, Guido Nicheli e lo stesso Faletti, il quale ha abbandonato lo stile americano dei lavori precedenti e si è immerso nella narrazione dello spaccato di un’Italia in cui non era facile vivere, attraverso un genere, il noir, che sta diventando sempre più il punto di forza degli scrittori nostrani.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER