Aquiloni tra nuvole scarabocchiate

Aquiloni tra nuvole scarabocchiate
Dodici racconti per sei autori colombiani la cui vita è sempre stata, in un modo o nell’altro, legata alla letteratura, alla scrittura, all’insegnamento. Dodici aquiloni colorati e cangianti che seguono traiettorie arabescate tra nuvole appena abbozzate. Storie di vita, di affetti e conflitti famigliari insanabili, di sentimenti coltivati come un fiore raro poi spazzati via con un soffio di vento, vicende poetiche di morte annunciata che poi si tramutano in ritorno prorompente alla vita al di là di ogni malattia mortale, una donna cieca che senza vista non è più in grado di analizzare coerentemente la realtà e i traffici loschi dei figli, gli ululati della guerra, del fumo e della morte ed un padre di famiglia la cui vita viene sconvolta perché scoperto dalla madre a masturbarsi in bagno a porta aperta...
Se questa fosse una rappresentazione fedele e totalizzante della letteratura colombiana direi che è un peccato io ne abbia letta così poca fino ad oggi. Questi racconti brevi sono deliziosi, dal primo all’ultimo. Hanno una profondità emotiva di fondo che buca la pagina e da spessore tridimensionale a personaggi che somigliano a macchiette, uomini e donne ritratti in caricature che li innalzano ad eroi di giorni comuni eppure straordinari, oltre l’ordinario. Eroi di piccole vicende drammatiche, poetiche, paradossali, fantasiose e creative, nate da penne atipiche che sognano mentre scrivono e che pitturano le pagine utilizzando colori a tratti decisi, a tratti più tenui e sfumati. Battiti di farfalla colti in un istante e fissati con l’inchiostro, istantanee di un mondo lontano che si estende tra i Caraibi e le Ande e che riempie i polmoni di aria nuova. Scrittura che si fa strada in punta di piedi, delicata, commovente e, in alcuni casi, striata di sottile e malinconico umorismo.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER