Arriva la sposa!

Arriva la sposa!
Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

La competitività esasperata di Agatha Raisin la costringe ad accaparrarsi tutti i casi che le capitano fra le mani, anche per dimostrare alla sua ex dipendente Toni Gilmour, ora concorrente dopo l’apertura di una sua agenzia investigativa, che in certe situazioni la maturità vince sulla giovinezza. Certo ha vissuto momenti migliori: al di là della stanchezza da troppo lavoro, c’è pure la nuova storia d’amore del suo ex marito, James Lacey, che ormai è anche sul punto di sposarsi di nuovo e guarda caso con uno schianto di donna e pure giovane! Lei pensa di non essere più innamorata dell’ex, ma anzi crede di potersi costruire una nuova vita con uno degli amici di James, il francese Sylvan Dubois, ma è evidente che, come si dice, ha fatto i conti senza l’oste, perché quando, dopo un incidente domestico, si rompe tre costole e si procura un livido su una natica e le consigliano di andarsene per un po’ in vacanza, scopre di non poterlo raggiungere a Parigi perché dal telefono sente la voce di una donna che lo reclama a letto. E poi Sylvan non si è mostrato così contento di sentirla! Cambia allora itinerario: nessuna passeggiata romantica in qualche boulevard per dare tempo all’amore di sbocciare, ma punta l’attenzione sulla Crimea e soprattutto su vecchi campi di battaglia sui quali James realizzava guide, tanto che quando si accorge che il suo ex è arrivato nel suo stesso albergo, lei se la dà a gambe per non far credere che lo sta seguendo. Viene tradita da una caduta per salire sul taxi e quel suo “Porca biscia”...

È il ventesimo episodio delle avventure di Agatha Raisin che Marion Chesney, nota con lo pseudonimo di M.C. Beaton, dà alle stampe. In realtà il libro è uscito in Gran Bretagna nel 2009 e si annoverano già altre puntate della saga. Di certo dall’agenzia di pubbliche relazioni, di cui era titolare all’inizio, all’attuale agenzia investigativa, di acqua ne è passata sotto i ponti, ma ritrovarsi con l’ennesima storia della saga fa sì che ci si senta come a casa: i personaggi sono sempre gli stessi e con essi si è acquisita una certa familiarità. E le storie sono sempre ben ideate, con colpi di scena di sicuro effetto. Agatha Raisin mantiene il suo “caratterino” per il quale tutti la conoscono (e la amano) e nonostante tutto non si tira mai indietro, pur se spesso è davvero troppo coinvolta! Dato il suo nutrito pubblico di seguaci britannici, dalla serie di libri è tratta anche una fiction televisiva che ha già portato sullo schermo una buona dose degli episodi complessivi. D’altronde, dobbiamo riconoscerlo, le storie si leggono serenamente, in poco tempo e soprattutto con leggerezza e divertendosi, pur se ora, cioè da quando è diventata investigatrice, non mancano omicidi, traffici illeciti, criminalità a più livelli, ruolo che, in questo specifico “Arriva la sposa”, spetta all’affascinante francese Sylvan Dubois, apparentemente un uomo intrigante, ma capace di sfruttare situazioni e persone a proprio comodo. E il bello della scrittrice Marion Chesney è che ci fa schierare dalla parte di Agatha, disprezzando l’ex marito e apprezzando prima e sospettando poi di Sylvan, superando ogni espressione caratteriale non consona della protagonista e anzi guardando male collaboratrici che vorrebbero far carriera...



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER