Braccialetti rossi

Braccialetti rossi
Albert è una persona speciale che nella sua turbolenta vita ha avuto la fortuna di scoprire la chiave della felicità. Per arrivarci è stato costretto a perdere una gamba, un polmone e mezzo fegato. Un prezzo che molti reputerebbero troppo alto. Ma non lui. Quando all'età di quattordici anni ad Albert viene diagnosticato un osteosarcoma alla gamba sinistra (sì, un cancro) per lui ha inizio un percorso di vita completamente diverso da quello dei suoi coetanei. Per dieci anni la convivenza forzata con il tumore viene però vissuta in modo del tutto particolare: ciò che il cancro gli toglieva da un lato, glielo restituiva da un altro. Parti del corpo amputate e anni trascorsi negli ospedali gli sono stati restituiti sotto forma di autentiche “scoperte” che gli hanno permesso di comprendere un altro modo di guardare il mondo e la vita. E capire come si può vivere felici vedendo le cose dalla prospettiva di un “mondo giallo”. Ventritré scoperte che rappresentano piccoli e preziosi tasselli per accedere al proprio mondo colorato di giallo. Una lista di concetti, idee, emozioni che il cancro ha portato nella vita di Albert, rendendola più piena e felice, ma che possono essere alla portata di chiunque abbia il coraggio e la forza di capirle e farle proprie…
Braccialetti rossi ha iniziato la sua  storia molti anni prima di diventare un fenomeno televisivo, tanto in Italia quanto all'estero. Era il 2008 quando in Spagna venne pubblicato El mundo amarillo, un libro scritto da un giovane autore catalano di nome Albert Espinosa, uscito vittorioso dalla battaglia contro un tumore durata dieci anni. Anni di battaglie e dure perdite che l'autore è riuscito a metabolizzare come un'opportunità concessagli per apprendere lezioni di vita importantissime che sono alla base di una felicità duratura e autentica. Così, quando l'autore decise di scrivere El mundo amarillo, il suo obiettivo non era quello di raccontare come si sopravvive ad un tumore. Ma di come questa bestia nera era riuscita ad arricchire la sua esistenza. Capitolo dopo capitolo  - o meglio, scoperta dopo scoperta - l'autore ci porta a conoscenza di quelle stesse esperienze che lo hanno aiutato e ci guida all'interno di un mondo in cui chiunque può imparare ad essere felice. Una curiosità: il titolo italiano, Braccialetti rossi, che apparentemente nulla a che vedere con la letterale Il mondo giallo, si ispira a quello della serie tv catalana che nel 2011 fu realizzata sulla base di El mundo amarillo e di cui Espinosa fu anche sceneggiatore. Grazie al successo di questa serie, l'autore e la sua storia sono stati in grado di oltrepassare i confini nazionali per conquistare i cuori di spettatori e lettori di tutto il mondo.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER