Cherryman dà la caccia a mister White

Cherryman dà la caccia a mister White
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Articolo di: 

Rick li conosce da una vita, e proprio per questo cerca di evitarli. Ma non c’è verso, quei quattro bastardi non vogliono proprio lasciarlo in pace; ed eccoli ancora una volta lì a fargli la posta: Heiko, Mario, Robert e Vladimir. Rick è la vittima perfetta: è un ragazzo rimasto orfano a causa di un incidente stradale in cui i suoi genitori sono morti, e vive con l’anziana zia Bambusch. Le sue uniche passioni sono i supereroi dei fumetti, in particolare Iceman e Batman, e il giardinaggio, con un’attenzione molto particolare per i ciliegi. Storlitz è un contesto tutt’altro che gioioso e stimolante per un diciottenne che ha appena terminato gli studi. Un giorno i suoi quattro nemici giurati si presentano da lui con una proposta incredibile: cosa ne pensa di un praticantato a Berlino, dove potrebbe curare un giardino splendido? Rick non crede alle sue orecchie. C’è sicuramente qualcosa che non quadra. E una cosa è certa: sotto sotto una fregatura deve pur esserci se quell’offerta così allettante viene da energumeni come quelli. Ed effettivamente Rick avrà anche un altro compito: mentre si occuperà del giardino, dovrà anche controllare la vicina scuola materna ebraica; capire le abitudini di chi la frequenta; prendere appunti e farli avere a Pascal, membro del Movimento per la difesa della patria, un gruppo neonazista che cerca di ottenere visibilità attraverso azioni eclatanti. È un’occasione unica. In fondo non c’è nulla di male, dovrà solo dare informazioni: andrà tutto bene. E poi c’è la prospettiva di allontanarsi da Storlitz per assaporare finalmente l’aria di Berlino. Rick esita, ma alla fine accetta. A Berlino conosce la bella Marylin e il piccolo Ninu, uno dei bambini della scuola; ma soprattutto Pascal e i suoi metodi violenti. Lo odia fino a volerlo morto. Così comincia a disegnare un fumetto che prende le mosse dalla sua vicenda: Cherryman, il supereroe ispirato proprio a lui, dà la caccia a mister White, che ricorda moltissimo il nazista Pascal...

Jakob Arjouni è stato un vero e proprio enfant prodige della letteratura tedesca degli ultimi decenni. Dopo aver esordito a soli diciannove anni con Happy birthday, turco!, l’autore si è affermato con gli altri quattro romanzi della saga del detective Kemal Kayankaya (fra cui Kismet e l’ultimo Fratello Kemal), che lo hanno reso uno dei principali esponenti di quel filone definito etno-thriller. Arjouni è morto nel 2013 a soli quarantanove anni, quando avrebbe ancora potuto scrivere molto. Cherryman dà la caccia a mister White è un noir in cui nella prima parte la violenza è a senso unico. Sono i quattro teppistelli neonazisti a recitare il ruolo dei carnefici e Rick Fischer subisce le loro angherie. Così l’esplosione di violenza finale è repentina e al contempo abbondantemente annunciata nel corso dei capitoli precedenti: il libro infatti è scritto come se fosse una lettera di Rick al dottor Layton, lo psicologo criminale presso cui è in cura. Il lettore sa benissimo sin dall’inizio che è successo qualcosa di terribile e cruento, ma solo alla fine avrà un quadro completo della situazione. La tensione creata attraverso questo brillante stratagemma non si abbassa mai e anzi c’è una costante escalation fino all’epilogo. Il romanzo dimostra quindi realisticamente cosa possa accadere in un contesto dominato dal disagio sociale, in cui le frustrazioni vengono tutte incanalate verso lo straniero, il diverso. Un libro forte che ci racconta una realtà purtroppo non tanto lontana dalla cronaca, dato il forte avanzare di idee xenofobe in Europa e nel resto del mondo. A maggior ragione oggi questo libro andrebbe letto e sviscerato in ogni singola pagina.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER