Chiudi gli occhi e guarda

Chiudi gli occhi e guarda
È cosa nota e universalmente riconosciuta (per rubare le parole a una famosa scrittrice) che se ti metti in viaggio il gatto deciderà “di cagarsi addosso quando è troppo tardi per tornare indietro, e tragicamente presto per arrivare a destinazione”. Il gatto in questione è Ciopy, ed è anche lui in viaggio con Corradino e sua madre su una 127 beige: direzione Marina Ligure. È l’estate del ’79, Corradino ha dodici anni, ed è la prima volta che va al Mare. Ai vizi ci ha rinunciato già da un pezzo, ché la mamma fa la sarta e i soldi sono pochi, figuriamoci all’albergo: a Marina li aspettano zia Ferdinanda, zio Livio, Daniela (“maschiaccia e per nulla princifessa”) e il semidio Alessio…
Chiudi gli occhi e guarda di Nicola Pezzoli piace per tre motivi. Perché parla del Mare (sempre rigorosamente con la M maiuscola), quello vero, dove riscopri di avere i piedi (dita e unghie annesse) e la libertà odora di crema solare. Perché racconta gli anni ’70, quelli veri (niente Brigate Rosse, LSD e rock’n roll). Perché Corradino all’inizio del romanzo è un bambino e alla fine non lo è più. Chiudi gli occhi e guarda è un romanzo di formazione con tutti i crismi: ci sono l’estate, gli amici da spiaggia, la scoperta del sesso, della diversità, ed è scritto così bene che pare proprio di essere lì a rotolarsi sulla sabbia con Corradino. Per fortuna che tra un po’ arriva l’estate, così ce lo possiamo mettere nella borsa da mare. Anzi, da Mare.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER