Confusione

Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Siamo nel 1942, in piena Seconda guerra mondiale. La vita è scandita da raid aerei, bombardamenti. Difficile la quotidianità in Inghilterra, non da meno a Home Place, la dimora della famiglia Cazalet. I vecchi Wiliam e Kitty, ovvero il Generale e la Duchessa, conducono la loro vita tra rituali sempre più stanchi e la figlia Rachel, indefessa, li accudisce mettendo sempre da parte la sua vita personale. Sybil, la consorte del primogenito Hugh, è gravemente malata da diversi mesi mentre Villy, la moglie del secondo, Edward, è ancora inconsapevole di subire tanti tradimenti. Rupert invece, il terzo fratello, partito in guerra risulta disperso in Francia e non arrivano notizie di alcun tipo. Zoe, la moglie, non sa se rassegnarsi a averlo perso per sempre e guardarsi attorno oppure continuare a aspettare e non abbandonare le speranze. Le giovani Cazalet hanno invece fatto il loro ingresso nel mondo e cercano di farsi strada per quanto le difficoltà siano dietro l’angolo. Louise, figlia di Edward e Villy, con il suo sogno di diventare attrice, che lascia spazio a un matrimonio prestigioso dietro al quale però si nasconde tanta infelicità. Polly e Clary, figlie rispettivamente di Hugh e Sybil e di Rupert e la prima moglie, e la loro voglia di emancipazione, che si traduce nell’abbandono di Home Place per trasferirsi a Londra. A tutti loro la vita non fa sconti, tra perdite, matrimoni in crisi e difficoltà di ogni sorta, mentre sull’Europa le nubi non accennano a sparire…

È cupo e nel contempo ricco di colpi di scena il terzo volume della saga dei Cazalet della scrittrice inglese Elizabeth Jane Howard. Fa commuovere e angoscia in molti dei suoi aspetti. È l’occasione di approfondire alcuni personaggi finora semplicemente tratteggiati come la giovane Louise che, pare rispecchiare molto la stessa autrice, bellissima, con una carriera di modella e attrice intrapresa e poi abbandonata. Umano, umanissimo il suo non riuscire a essere madre, il suo non accettare questo ruolo, la sua drammatica incapacità di provare amore verso la piccola creatura che ha generato. Anche in questo capitolo della saga la Storia irrompe con prepotenza, in particolare sul finale, nel personaggio di un fotografo francese che fa la conoscenza di Zoe rubandogli un pezzo di cuore. Quel dramma imponente che è stato la Shoah sbuca tra una pagina e l’altra, quasi sorprendendo il lettore che non si aspetta una cruda riscoperta di questa tragedia in mezzo al racconto di una compassata famiglia borghese. La Howard anche stavolta riesce a mettere a nudo illusioni e contraddizioni della upper class britannica e nel contempo ripercorrere gli angoli più bui del secolo breve. Terzo capitolo e obiettivo raggiunto, di nuovo. Raccontare, appassionare e commuovere. Ai lettori non resta quindi che attendere la prosecuzione con la quarta tappa. E sì, non pensate di poter abbandonare così facilmente quest’impresa. La vostra curiosità non ve lo permetterà.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER