Controvento

Controvento
Capoverde. La vita non è stata clemente con São: abbandonata in tenera età dalla madre e allevata dalla vecchia Jovita, riesce comunque ad andare a scuola, con un entusiasmo ogni giorno più grande. São ha grandi sogni: vuole diventare medico, uscire dall’isola, andare in Italia o in Portogallo, vedere nuove cose, studiare. Intelligente e svelta, la bambina diventa ben presto la beniamina della maestra Natercia, una giovane donna che ha dato tutto per l’insegnamento. Ed è proprio la maestra a trasmetterle l’amore per i libri che tanto la fanno sognare con lo sguardo perso verso l’orizzonte. Finita la scuola però la bambina vede i suoi sogni infrangersi: Jovita non ha soldi per farla studiare e São sembra andare incontro ad un destino già segnato. Ma lei non si arrende: comincia a lavorare e a risparmiare per poter andare in Europa a realizzare il suo sogno. Lì São dovrà crescere velocemente e scontrarsi con i pregiudizi della gente, la mancanza di lavoro, i debiti di sua madre, ma soprattutto imparerà che nemmeno l’amore è a salvo da delusioni e sventure …
Di São ce ne sono tante intorno a noi e non ce ne rendiamo conto: São è le donne che portano negli occhi i ricordi del loro paese d’origine dai cui sono fuggite in cerca di un futuro migliore, istruite, piene di speranza, ma che si devono scontrare ogni giorno con le difficoltà di chi arriva in un paese che non vuole accoglierle. São è anche le donne che vengono maltrattate dai mariti nel freddo delle loro case, le donne che cercano di trovare dentro di sé la voglia di ribellarsi e di ricominciare da zero. São è tutte quelle donne che non perdono la speranza nonostante la vita gliene abbia fatte di tutti i colori e conservano sempre un sorriso e la fede in un futuro luminoso. Controvento, opera con cui la scrittrice spagnola Ángeles Caso vinse il Premio Planeta nel 2009, è una bellissima storia che tocca con delicatezza e speranza le vicissitudini di una ragazza piena di vita in un mondo sempre più violento e maschilista. Se da una parte ci troviamo davanti a un’eroina coraggiosa e forte, dall’altra abbiamo anche un bellissimo esempio di amicizia e solidarietà tra donne. Le amiche sono la forza di cui São ha bisogno quando la vita le rifila un altro schiaffo e si sente sempre più fragile e indifesa. Le loro storie parallele fanno da corollario alle vicissitudini di São: l’intera vicenda della ragazza viene infatti raccontata da una donna spagnola presso la quale São lavorerà a Madrid e che ha dietro le spalle una lunga vicenda di depressione e paure. Ma ci sono anche altre donne che con le loro storie passate e presenti rendono questo libro speciale: Carlina, Jovita, Natercia, Benvinda… le loro voci creano un coro unico e dirompente, che difficilmente dimenticheremo. Il loro eroismo molto spesso anonimo è più che mai attuale, ma l’autrice non cade mai in un facile buonismo o nell’autocommiserazione. Controvento è una storia scritta benissimo, originale, commuovente ma non melensa, non la solita storia “al femminile”, anche se a prima vista potrebbe sembrare così. Un libro che sicuramente lascerà un segno durevole anche parecchio tempo dopo la lettura. 

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER