Cuba libre

Cuba libre
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
La Cuba sognata da Ernesto Che Guevara - ormai ridotto a feticcio che popola magliette, stemmi e bandiere - è in realtà un paese ben lontano da ciò che l’immaginario collettivo comunista tenta di salvaguardare. E’ un paese distrutto dalla lunga dittatura castrista, dimenticato dagli alleati sovietici ed eroso dalla povertà di risorse a causa dell’embargo. E la sua capitale L'Avana è il simbolo di un drammatico sdoppiamento che si presenta in tutto ciò che anima la città: il denaro è diviso in pesos nazionali - con i quali vengono pagati stipendi e pensioni - che hanno valore di carta straccia, e pesos convertibili che garantiscono ai turisti la possibilità di acquisto; gli autobus rossi a due piani accompagnano viaggiatori occidentali alle meraviglie cittadine, mentre agli abitanti non restano che scomodi “cammelli” sovraffollati, logori e intrisi di sudore e malavita; persino lo scambio è regolato da una parte dalle tessere di razionamento e dall’altra dal mercato nero. In questa città, in cui due anime convivono in un enorme paradosso, il diritto alla casa, la possibilità di avere figli a cui garantire un futuro o la semplice esigenza di poter bere un bicchiere di latte al mattino sembrano sogni lontani e irrealizzabili...
Yoani Sánchez - giornalista mancata ma ottima filologa, come si definisce lei stessa - cura dal 2007 il blog Generación Y, sito che ha consacrato il suo successo mondiale. Nel 2008 il Time ha inserito Yoani tra le 100 persone più influenti dell’anno, El País le assegnato il premio “Ortega y Gasset” per il giornalismo digitale e Internazionale l’ha voluta come collaboratrice. Mentre Castro è preoccupato per “questa giovane cubana appositamente incaricata di minare il sistema” e per questo la censura, in Italia preferiamo ospitare il suo materiale web all’interno di Cuba libre, volume che si rivela straordinariamente d'impatto grazie a uno stile diretto e a una sinteticità di pensiero incredibile. Stregati dal susseguirsi di brevi post cartacei che compongono la narrazione episodica che dà vita ai capitoli, leggiamo le disavventure di Yoani con la stessa attenzione che dedicheremmo al nostro più caro confidente. Forza Yoani, forza.
>br />Leggi l'intervista a Yoani Sánchez

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER