D come donne, D come Dio

D come donne, D come Dio

Nonostante di religione si parli molto spesso e il tema sia oggetto di studio e di approfondimento in molti ambiti ‒ dalla letteratura alla sociologia e alla storia ‒ la religiosità e la spiritualità femminili restano ancora argomenti poco approfonditi. Eppure le donne costituiscono la percentuale più alta dei credenti di tutto il mondo, e rivestono un ruolo fondamentale. Con l’aumentare in modo decisamente esponenziale dei flussi migratori, nel nostro Paese stiamo assistendo a grandi cambiamenti anche del panorama religioso: in particolare con la diffusione della religione islamica il ruolo delle donne nella religione diviene centrale. Senza parlare poi delle attuali trasformazioni della religiosità femminile che oscilla tra un insegnamento proprio della Chiesa cattolica e il diffondersi di spiritualità alternative. Alle pratiche universalmente diffuse e riconosciute, solitamente legate alle donne più anziane cresciute all’interno della cultura cristiana, si affiancano “rituali” e usi che si rifanno ad una spiritualità che guarda al paganesimo con rinnovato interesse. Un esempio su tutti, il movimento della Spiritualità della Dea in Italia. E ancora riflessioni circa le complicate relazioni tra le ministre di culto buddhiste con il femminismo e la ricerca di un’uguaglianza di genere diffusa nell’Inghilterra contemporanea…

Tanti i contributi tratti da diversi articoli e saggi che le curatrici di questo volume, Alberta Giorgi e Stefania Palmisano, prendono in prestito e analizzano per realizzare un’istantanea tutta al femminile che ci mostra dalle predicatrici islamiche in Turchia a quelle donne che semplicemente per aver compiuto scelte al di fuori dello spazio dell’ordine sociale considerato tradizionale vengono guardate con sospetto e spesso allontanate dalla comunità. Un saggio che punta un riflettore su un aspetto, quello della spiritualità femminile, poco percorso e che parte proprio dal genere per approfondire il legame con la religione ed evidenzia come numerosi conflitti abbiano preso origine proprio dal differente ruolo sociale della donna nelle società e sul concetto stesso di femminile. Un’analisi sul rapporto tra donne e fede nelle diverse culture, in popoli distanti, in tradizioni eterogenee e su come questi tratti originari si siano poi sviluppati nelle nostre società contemporanee. Tantissimi i riferimenti bibliografici in fondo ad ogni contributo analizzato e altrettanti spunti di approfondimento e riflessione su un argomento che abbraccia Paesi distanti e dalle visioni apparentemente inconciliabili tra loro e con la nostra cultura dominante.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER