Da uno spiraglio

Da uno spiraglio
Nel Borgo di Palermo, alle falde di Montepellegrino, vive Tommaso, pescatore “omaccio da galera briaco e rissoso” ma soprattutto gelosissimo della giovane moglie Luisa, la ragazza più graziosa e buona della zona, che gli è stata data in sposa nonostante la fortissima opposizione del fratello di lei. Quando una vicina di casa ex amante dell'uomo fa credere al feroce pescatore che Luisa ha una relazione con un soldato che le fa visita quando Tommaso è in mare, lui architetta una sanguinosa vendetta...  Un giovane medico piemontese, durante un viaggio verso la Francia, viene sorpreso da una tempesta di neve nella gola de La Chaille e deve pernottare con i suoi compagni di viaggio in una piccola locanda. Posti per tutti non ce ne sono, e il ragazzo – nonostante il parere contrario della locandiera – decide di passare la notte in uno chalet attiguo che si dice sia infestato da fantasmi. Durante la notte si odono rumori misteriosi e appare il volto di un uomo che pare un morto...  1831. Franz Stoheny, giovane virtuoso del violino tedesco, è terribilmente geloso della bravura e della fama di Paganini, che si dice suoni un violino con corde fatte con le viscere del suo migliore amico. Per arrivare là dove la semplice tecnica  - per quanto sopraffina – non può portarlo, Franz accetta l'offerta del suo vecchio maestro di musica Samuele Klauss e fabbrica corde dai suoi intestini dopo la sua morte. Dopodiché sfida Paganini a un concerto-duello pubblico... Un giovane pittore viennese è fidanzato con Carlotta, una fanciulla di bellezza incomparabile ossessionata da una morbosa paura della morte. Poco dopo aver conosciuto un brillante anatomista dalle idee bizzarre, il giovane scopre che il medico ha giurato un giorno di sezionare il meraviglioso cadavere di Carlotta(!), e quando – assentatosi per qualche giorno – viene a sapere che una ragazza ha perso la vita affogando nel Danubio, viene assalito dai più foschi pensieri...
La narrativa gotica e fantastica italiana del XIX secolo è stata sempre accusata di un certo provincialismo letterario, di limitarsi a rimasticare efferati casi di cronaca nera e paurosi racconti da focolare alla moda del feuilleton grandguignolesco senza la grandeur romantica e le radici mitologico-storiche che in altre zone d'Europa hanno fatto grande il genere. Emblematico il caso della Scapigliatura, ritenuta più un fugace fenomeno modaiolo che una corrente letteraria in grado di lasciare il segno. Accuse ingenerose? Forse. Anzi, a leggere i racconti selezionati da Riccardo Reim, che della narrativa ottocentesca è vero cultore, parrebbe decisamente di sì, perché di brividi e sorprese in queste quasi 500 pagine se ne trovano molti, e la lettura è sempre piacevolmente inquietante. Tra tutti, menzione d'onore per il sensuale e terribile “Macchia grigia” di Camillo Boito e per il macabro “Dove si parla del camposanto vecchio” di Renato Fucini.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER