Destiny ‒ Un amore in gioco

Destiny ‒ Un amore in gioco

Keeley è proprio un disastro. È l’ennesima volta che perde il telefono. Stavolta si è addirittura superata: l’ha scambiato con un altro telefono, identico al suo. Tutto questo è successo l’ultimo giorno di scuola, prima di partire per le vacanze estive. Ma la situazione è più grave del previsto: non ha solo perso il telefono scambiandolo con quello di un’altra persona, ma l’altra persona è un ragazzo egocentrico e spaccone. Si chiama Talon e crede di avere tutto il mondo femminile ai suoi piedi, come dimostrano i messaggi che si scambiano per una settimana. Un continuo inoltro di messaggi dell’uno e dell’altro. Piano piano Talon non sembra poi così male… Forse c’è ben altro dietro l’apparenza di sbruffone che ha dimostrato all’inizio. E a Keeley non dispiace per niente. D’altro canto anche lei sembra piacevolmente cambiata. Non le è mai capitato di esprimersi così, di dimostrarsi come la persona che ha sempre voluto essere. I giorni passano ed è il caso di incontrare Talon per lo scambio dei telefoni. Keeley è molto nervosa all’idea di conoscerlo fisicamente. Sa bene che potrebbe innamorarsene facilmente. E se poi non fosse così come se l’è immaginato? D’altro canto Talon nasconde un segreto… Non è solo uno scambio di telefono a legarlo a Keeley. C’è molto di più. E questo potrebbe davvero complicare le cose…

Chat tra sconosciuti. Destiny - Un amore in gioco affronta alla perfezione una delle dinamiche più frequenti degli ultimi anni: relazioni che nascono in forma digitale, scambio di messaggi tra sconosciuti, persone che si conoscono solo nella loro versione virtuale e che, forse, mai si incontreranno. “Puoi innamorarti di qualcuno che non hai mai incontrato?”. A quanto pare sì, come succede a Keeley. Una dinamica forse ormai consueta, ma non per questo particolarmente sana. Cosa manca alle relazioni virtuali? Il contatto, lo scambio di sguardi, la chimica. Eppure succede, non di rado, che le versioni virtuali delle persone ci piacciano molto, per poi restare irrimediabilmente delusi dall’incontro fisico. Quello stesso incontro che preferiamo rimandare, proprio per non rompere l’incantesimo. Finché la relazione di Keeley e Talon, i protagonisti di Destiny - Un amore in gioco, si mantiene sul virtuale e sul mero scambio di messaggi, tutto va a gonfie vele. Si crea un’aspettativa che non tiene in considerazione di aspetti fondamentali della vita di ciascuno, cioè di quella che comunemente chiamiamo “realtà”. Nella realtà, infatti, Keeley è timida, non si espone, sempre all’ombra del fratello Zack, suo gemello e grande promessa del football. Talon è uno spaccone anche nella vita reale, ma nasconde un segreto che potrebbe compromettere il rapporto, a metà tra l’immaginato e il concreto, che si sta creando con Keeley. Difficile trovare un equilibrio tra realtà e aspettativa, tra idealizzazione e realtà. Attraverso gli occhi (e i telefoni!) dei protagonisti, Lindsey Summers ci racconta una storia d’amore spensierata e molto attuale, nata grazie ai mezzi di comunicazione del nostro tempo. E lo fa molto bene, senza scadere in un’accozzaglia di abbreviazioni tipica del linguaggio adolescenziale via sms. Il romanzo ci regala stralci di conversazioni digitali credibili e mai eccessive, che danno dinamica e ritmo a una storia che, di base, è una semplice storia di amore tra adolescenti con i classici inghippi del caso. Che poi, diciamocelo, sono più o meno gli stessi degli adulti.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER