Dietro la maschera

Dietro la maschera

Stanley Bert Eisen nasce il 20 gennaio 1952 a New York, all’estremità nord di Manhattan, in una famiglia di emigrati dal Nord Europa. Ha una malformazione detta “microtia”: in pratica al posto dell’orecchio destro il bambino ha un ammasso di carne e cartilagine inservibile. Il futuro frontman dei Kiss, lo Starchild dalle movenze sexy e dalla voce potente, è sordo da un orecchio e da piccolo viene deriso e isolato, bollato come il “mostro con un orecchio solo” dai bambini e guardato con pietà dagli adulti. Per superare il suo handicap e la difficile situazione della sorella maggiore Julia, che soffre di problemi mentali, da adolescente Stanley trova rifugio nella musica. I genitori – malgrado siano gente umile – amano ascoltare musica classica al radiofonografo e per lui l’ascolto del “Live from the Met” sulla stazione radio WQXR diventa un appuntamento fisso. Nel 1964 Stanley vede i Beatles in tv all’Ed Sullivan Show ed è una folgorazione: “È questo il mio passaporto per la salvezza. Eccolo il veicolo per risalire la china, diventare famoso, diventare un modello da seguire, piacere, essere ammirato, invidiato”. E poi se si farà crescere i capelli come i Beatles, l’orecchio deforme non si vedrà più…

Dopo Gene Simmons, anche l’altra metà del secondo binomio di autori-musicisti più importante del rock (dopo Lennon e McCartney, of course) approda in libreria. Le versioni sulla storia più che quarantennale dei Kiss collimano, diciamolo subito. E le frecciatine al co-leader della band sono davvero ridotte al minimo, e venate d’affetto: roba da fratelli, insomma. Ace Frehley e Peter Criss invece, come era già accaduto con il libro di Simmons, ne escono a pezzi: rispettivamente un pazzo alcolizzato e un idiota scarso tecnicamente, in buona sintesi. Più ricca di sorprese la parte del libro (scritto con il giornalista Tim Mohr) dedicata alla sfera privata di Stanley Bert Eisen aka Paul Stanley: sul fronte amore scopriamo che dietro a un’apparenza un po’ ambigua si nasconde un cacciatore di MILF, playmate e conigliette, un uomo con all’attivo un matrimonio infelice, un figlio e un divorzio (con Pamela Bowen) e un matrimonio felice con tre figli (con Erin Sutton). Sul fronte salute la sorpresa della sordità parziale, il racconto delle sofferenze per la deformità all’orecchio (poi corretta chirurgicamente) e l’impegno per la fondazione “AboutFace” che si occupa di bambini con difetti congeniti.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER