Dirk Gently, agenzia investigativa olistica

Dirk Gently, agenzia investigativa olistica

Susan Way, violoncellista, è la sorella di Gordon, ricco fondatore e proprietario delle WayForward Technologies, ed è su tutte le furie! Il suo ragazzo, Richard MacDuff, programmatore di una certa fama per aver creato un software che converte grafici e bilanci aziendali in motivi musicali, alle dipendenze del fratello (che sfrutta questo duplice ruolo per farle pressione perché incalzi il fidanzato a portare a termine i lavori in sospeso), si è di nuovo dimenticato di lei, e non è passato a prenderla per andare alla cena in onore del poeta Samuel Taylor Coleridge, a cui è stato invitato da Urban Chronotis, bizzarro titolare della regia cattedra di Cronologia e suo vecchio tutor al college; non propriamente un incontro romantico, ma almeno un’occasione per stare insieme, senza schermi di computer di mezzo! Infatti Richard si ricorda dell’appuntamento solo a fine serata, e sta per scoprire che l'aver dato buca alla sua ragazza è solo l'inizio di una vertiginosa serie di guai! Avrà bisogno dell'aiuto dell’enigmatico Dirk Gently, conosciuto proprio negli anni del college, investigatore privato olistico ‒ convinto che tutte le cose siano sostanzialmente interconnesse, e che la soluzione di ogni mistero vada ricercata nello schema globale ‒ e dei suoi non convenzionali, spesso snervanti metodi di indagine, per provare a venir fuori da una vicenda sempre più intricata che sembra sfidare ogni logica e rischia di avere conseguenze catastrofiche per l’intera umanità…

In questa prima storia dedicata a Dirk Gently, Douglas Adams (scomparso improvvisamente nel 2001 all'età di 49 anni) scopre le carte una alla volta, apparentemente senza seguire un ordine preciso, con l'aria bonaria e sorniona del vecchio cantastorie che lascia al lettore il gusto di mettere a posto, capitolo dopo capitolo, le tessere di un puzzle folle, divertente, intriso del più classico humour britannico, di amore per la musica e di una delicata vena poetica. Ne risulterà una immagine definitiva ove troveranno spazio, con sorprendente naturalezza, paradossi temporali, un elegante divano irrimediabilmente incastrato in una rampa di scale, un improbabile monaco elettrico difettoso ed il suo cavallo, accanto al ricco annoiato rampollo della tipica famiglia aristocratica inglese; i cultori delle avventure del dottor Who e degli sketch dei Monty Phyton non saranno sorpresi dalla percezione di elementi familiari (l’autore venne coinvolto nella sceneggiatura di episodi di entrambe le serie). Il romanzo, concepito come un surreale, caleidoscopico gioco ad incastri, da risolvere capovolgendo l'aforisma “holmesiano” di Conan Doyle (“eliminato l'impossibile, ciò che resta, per improbabile che sia, deve essere la verità”), infilando quindi proprio l’impossibile nel mazzo delle soluzioni dei misteri, attraversa i territori del giallo, della ghost story, della fantascienza, con una leggerezza che farà sicuramente perdonare, soprattutto nel finale, qualche eccesso di caotica creatività. Dal romanzo è stata tratta una serie televisiva statunitense scritta da Max Landis per BBC America e interpretata da Samuel Barnett nei panni del detective Dirk Gently e Elijah Wood nei panni del suo riluttante assistente Todd.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER