Domani non sarò qui

Domani non sarò qui
Universitario impegnato (non troppo) nella realizzazione di una pubblicazione colta, cosa manca a Lorenzo? Nulla: ha anche trovato l’amore. Diana, la sua amata amante, è un tipo sui generis: transessuale colombiana, batte le strade romane dando piacere a pagamento. Non il tipo di fidanzata da presentare a mamma, affetta da un’altalenante forma di depressione. Lorenzo e Diana vivono il loro amore in una stravagante comunità parallela di altre trans sudamericane, che parlano un esperanto italo spagnolo, fanno minuziose pulizie domestiche, sono chiassose, “gossip pare” e straordinariamente sensibili ai pericoli. Eppure quando c’è di mezzo il cuore, anche i sensi più acuti vacillano: cosa fa Lorenzo quando non c’è? Dove va? Perché frequenta così assiduamente Matteo? Un cuore infranto in vista, così come per Miss Colombia: che le salta in mente, salutare Davide per strada finendo quasi ammazzata? E nonostante questo fare di tutto per salvare il suo amore…
Nel romanzo c’è un bel crescendo di emozioni e tensione. Il tema non è del tutto nuovo, quello squarcio che si apre talvolta tra il mondo di “quelli per bene” e il mondo torbido della prostituzione e della strada. Eppure qui c’è qualcosa di diverso: Lorenzo, anzitutto. In lui quello squarcio vive ma senza conflitto, è una vera ambivalenza che lo porta fino al culmine dell’abiezione. Poi ci sono Diana e Miss Colombia: il sesso estremo convive con l’estrema tenerezza. Svenduti dalle loro stesse famiglie, che mantengono a rischio della vita, incarnano un desiderio latente di redenzione che non soffoca sotto il cerone, le parrucche e le unghie finte. Poi c’è Davide, che testimonia il bisogno di scegliere piuttosto che essere scelti, il coraggio di cominciare a vivere senza prendere la strada più comoda. La scrittura segue perfettamente i personaggi, ora è lenta e pesante ora è colorita e scoppiettante. Qui non ci sono vittime, ognuno è artefice del proprio destino. I personaggi sono davvero intensi, potenti e commoventi: qui non c’è moralismo, qui c’è solo una variegata, dolorosa e straordinaria umanità.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER