Dona Flor e i suoi due mariti

Dona Flor e i suoi due mariti
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Carnevale, una domenica mattina qualsiasi. Vadinho balla un samba scatenato vestito da bahiana in Largo 2 luglio, non molto lontano da casa sua. Mentre volteggia esibendosi in complicatissimi passi di danza, improvvisamente crolla al suolo, morto, ma con il “sorriso soddisfatto del viveur di professione che era stato”. Dona Flor, rimasta vedova prematuramente, si ritrova a sopravvivere improvvisandosi “maestra di cucina” e a struggersi per l'amore perduto. Perché Vadinho sarà pure stato uno scapestrato, un giocatore, un bevitore e un traditore, ma Dona Flor proprio non riesce a dimenticare quanto inebriante fosse il sesso con lui; e poco la consola l'aver trovato un nuovo marito, il rispettabile quanto noioso e prevedibile don Teodoro... 
“Una vedova è solo scorie, limitazioni e ipocrisia. Qual è il paese dove seppelliscono la moglie nella tomba del marito? E dove danno fuoco al suo corpo insieme a quello del defunto? Per lo meno, così, una volta per tutte è bruciata e in cenere, invece di consumarsi a fuoco lento, di bruciarsi dentro in ansia e desiderio; e fuori in ipocrisia, un rifugio di stoffe nere, i veli che coprono un’afflitta geografia di paura e di peccato”. È con questi pensieri che vive Dona Flor, in eterno equilibrio tra moralità e desiderio, tra essere e dover essere, tra felicità e sensi di colpa. Sullo sfondo di una Bahia magica Amado tesse le fila dei destini dei suoi personaggi in un romanzo corale in cui la fanno da padrone le donne. Siano esse madri premurose, comari sempre pronte a dispensare consigli o prostitute, le donne di Amado sanno sopravvivere alla vita di tutti i giorni – spesso grigia e condizionata da regole di una società ipocritamente moralista – grazie alla propria ironia e alla propria malizia. Perché l'amore – diceva Amado – è sicuramente “una delle cose più importanti che esistono nella vita. L’amore per una prostituta di Bahia, l’amore di un giovane che inizia la sua vita, l’amore di un vecchio per la sua sposa, i suoi affetti. Credo che quello che è veramente importante nella vita sia l’amore, e ciò che ci dà allegria, coscienza della vita”.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER