Downton Abbey

Downton Abbey
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

1912. Il Titanic si è inabissato e i morti sono centinaia. La notizia occupa la prima pagina di tutti i giornali e raggiuge anche la storica dimora di Downton Abbey, nello Yorkshire. È la residenza dei conti di Grantham che apprendono sconvolti la tragedia, accresciuta dal fatto che il loro erede Patrick, papabile sposo della figlia Mary e figlio di un cugino di terzo grado, è morto nel naufragio. La necessità primaria è tenere segreto il fidanzamento, per non danneggiare la reputazione della ragazza: “Era una decisione presa in famiglia, nient’altro. Non c’è bisogno di farla diventare merce di seconda mano a causa di un accordo privato.” Mentre la casa si risveglia la servitù è in fermento per soddisfare le esigenze della nobile famiglia e svolgere gli innumerevoli compiti quotidiani, con le orecchie ben aperte per carpire tutte le informazioni che possono stuzzicare la loro curiosità. Il patrimonio, la tenuta, la villa passeranno a uno sconosciuto parente che fa l’avvocato, tutto ciò a causa di un vincolo atto a impedire la frammentazione della proprietà. L’idea che un uomo che lavora possa mettere le mani su Downton gela il sangue dei Grantham. Quando il placido conte Robert non ottiene le rassicurazioni sperate dall’avvocato di famiglia, la moglie Cora è costretta a stringere un’alleanza con la spinosa suocera Violet per cercare una soluzione all’imbarazzante questione. Forse un matrimonio ben studiato non sarà sufficiente a salvarne il prestigio e neppure l’infruttuosa ricerca di scappatoie legali…

Julian Fellowes, o meglio Lord Fellowes, baronetto di West Stafford dal 2011 grazie ai suoi meriti artistici, è un uomo dalle mille risorse, dalla variegata cultura e dalla classe innata. Attore, sceneggiatore e regista è con la serie televisiva di Downton Abbey che ha reso celebre il suo nome e ha creato la sua fortuna, al punto da poter acquistare una proprietà nel Dorset con tanto di servitù in perfetto stile british ai suoi comandi. I sette episodi della sceneggiatura della prima stagione sono suddivisi ciascuno in quattro atti, arricchiti da note finali che svelano l’evoluzione delle idee relative a ogni episodio, i tagli occorsi in fase di montaggio, le modifiche alle battute degli attori e le piccole differenze tra il testo scritto e la versione televisiva. Con onestà Fellowes riferisce anche in merito alle critiche ricevute per imprecisioni storiche e di costume, sottolineando la soddisfazione di avere un pubblico attento e partecipativo. Numerosi sono gli aneddoti pertinenti la sua infanzia, al Cairo e in Inghilterra, episodi che gli sono serviti per creare alcune scene, esperienze dirette riportate sullo schermo televisivo a cui è particolarmente legato e grato. Il libro si legge agilmente, come un copione e lo si potrebbe interpretare a più voci nel salotto di casa, per rivivere le emozioni e le atmosfere che una serie tanto elaborata, sontuosa e raffinata ha saputo regalare ai suoi fan.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER