Eroi dello sport

Eroi dello sport
La figura dell’eroe è il primo tòpos riscontrabile nella letteratura greca. All’inizio lo si poteva identificare nell’Achille o nell’Ettore di turno, ma nel corso della storia l’immagine che le persone comuni hanno di questa figura ‒ in un certo senso divinizzata ‒ è venuta continuamente mutando e oggi è ben radicata nell’immaginario collettivo, protagonista della quotidianità. L’eroe ora è il campione sportivo, il divo, colui che, attraverso le sue imprese atletiche, riesce ad unire un’intera nazione e a mandare in estasi le folle. Mai come nel Novecento lo sport è stato così importante per il mondo intero: nemmeno al tempo degli antichi Greci, inventori delle sacre Olimpiadi. A tal punto che la parola “eroe” difficilmente è oggi accostata ad un aggettivo che evada dal campo semantico dello sportivo. E non sono soltanto eroi: queste icone sono anche divi, testimonial commerciali, macchine umane che alle volte rischiano di diventare (o diventano) meri prodotti consumati dalle masse e dagli sponsor. Ma questo alla gente comune non importa, loro vogliono lo spettacolo, il campione, vogliono sognare per loro e godere con loro e ‒ perché no ‒ tentare di imitarli...

Questo saggio di Daniele Marchesini, docente di Storia Contemporanea all’Università di Parma, analizza il circolo vizioso che si crea nella nostra società tra sport e concetto di eroismo. Sottolineiamolo subito: si parla di sport, non di calcio e basta come già il lettore “italiano medio” sta dando per scontato. Sfogliando questo libro vengono prese in considerazione quelle figure e quegli sport che hanno realmente cambiato il modo di sentire di un’epoca. Bartali, Coppi, Merckx, Carnera, Muhammad Ali, Nuvolari non sono e non sono stati semplici uomini. No, molto di più: icone che hanno rappresentato contrasti, dialettiche e correnti di pensiero che hanno dipinto il corso del Novecento. Tutti tesi alla perfezione, contestualizzati secondo i minimi dettagli. Ma lo scritto non si ferma solo a questo livello se vogliamo scontato: Marchesini va oltre e analizza anche le dure lotte femminili per i pari diritti anche nello sport, illustra lo stretto legame che c'è stato tra regimi totalitari e sport per poi passare ad analizzare l’importanza del luogo in cui il ritual sportive si consuma, stadi, arene e quant’altro. Con una prosa chiara, mai banale, senza qualunquismi nè luoghi comuni, Daniele Marchesini offre al lettore un modo nuovo ed originale di guardare alla contemporaneità.

 

 


 

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER