Fascismo anno zero

Fascismo anno zero

Che cos’è il Diciannovismo? È uno spartiacque, un momento storico cruciale nell’arco del Secolo Breve, un vento di cambiamento e sollevazione che nello stesso anno vede la vittoria dei bolscevichi nella Guerra Civile russa scoppiata dopo la rivoluzione d’Ottobre e la nascita in Italia dei Fasci italiani di Combattimento a opera dell’ex socialista Benito Mussolini. Dalle ceneri della Prima Guerra Mondiale si sono formati movimenti di arditi, reduci, anarchici ed ex combattenti che hanno come sola motivazione quella di rovesciare l’ordine costituito rappresentato dalla vecchia classe dirigente liberale, e che grazie a Mussolini, che si impone come centro gravitazionale del cambiamento, si ritrovano a combattere le stesse battaglie affianco a futuristi, massoni, socialisti e sindacalisti rivoluzionari. Ne scaturisce un movimento disomogeneo, aggressivo, formato per lo più da giovani ma con punte di diamante che vanno in direzioni opposte come il maggior rappresentate degli arditi, Gabriele D’Annunzio, e il maggior rappresentante del Futurismo, Filippo Tommaso Marinetti. L’atto di fondazione del nuovo movimento viene ufficialmente sancito il 23 marzo del 1919 in un palazzo storico milanese situato in piazza San Sepolcro e anche se al nuovo movimento aderiscono, sulla carta, tanti uomini illustri della cultura, della società e delle istituzioni, all’assemblea milanese il numero dei partecipanti e abbastanza inconsistente. Cosa che a distanza di un decennio, dopo la marcia su Roma, con Mussolini diventato duce assoluto del Paese e il Fascismo trasformato in una dittatura forte e feroce, avrà il suo peso in termini di onore e di considerazione. Infatti, l’assemblea di piazza San Sepolcro, nella narrazione della mitologia fascista, acquisterà lo stesso valore della nascita di un nuovo mondo a opera di nuovi eroi e i partecipanti all’evento saranno guardati dai giovani fascisti in camicia nera quasi come divinità che avevano vissuto in prima persona l’evento più importante del secolo. Non importa che proprio i sansepolcristi nel 1919 vivano la cocente sconfitta, sia nelle piazze che nelle urne, a opera di un partito Socialista ancora forte e convincente sia a fatti sia a parole e che sempre nel 1919 Mussolini sia addirittura imprigionato a Milano: la celebrazione della fondazione di piazza San Sepolcro è netta, pomposa, evocativa e non ammette repliche. L’anno zero del Fascismo diventa leggenda. Il diciannovismo diventa leggenda…

Come si sia trasformato e cosa sia diventato poi lo illustra ampiamente la storia contemporanea. Fascismo anno zero è un libro che va assolutamente letto perché è storia pura, senza narrazione aggiunta o accenni politici di una qualsiasi influenza. Sono atti, date e azioni che hanno visto la nascita di un movimento che dalla confusione sociale ed economica post bellica si è trasformato con il tempo, grazie alla forza bruta e all’ambizione di un solo uomo, in una dittatura assoluta e feroce, esempio ahinoi di altre forme di dittatura europea altrettanto folli. Il fascismo del 1919 è fondamentalmente Mussolini e la sua persona. I sansepolcristi poco più di confusi antiliberali e antisocialisti della prima ora che poi finiscono con lo scomparire del tutto a mano a mano che il Fascismo smette di pensare a elezioni libere o confronti politici di qualsiasi sorta. Per questo leggere il libro di Franzinelli è utile e interessante. I libri di storia del Fascismo parlano della dittatura del Ventennio, di Mussolini come duce indiscusso, delle camicie nere organizzate militarmente. Ma come e quando si arriva a tutto questo è ancora più interessante da comprendere e da conoscere. Inoltre, l’autore ha una prosa accattivante. È preciso, è descrittivo, a tratti evocativo. Fascismo anno zero ha tutta la fascinazione di un bel romanzo e tutta la serietà di un saggio di storia, qualcosa da tenere assolutamente in libreria.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER